Il cardinale Angelo Scola è il nuovo arcivescovo di Milano. Lo ha nominato Benedetto XVI, spostandolo – con una decisione che non ha precedenti – dalla prestigiosa sede di Venezia.

La nomina è stata resa nota oggi per consentire al quasi 70enne Scola di essere presente domani, festa dei santi Pietro e Paolo, al rito celebrato dal Papa in San Pietro per ricevere il pallio con i 40 altri arcicescovi nominati quest’anno (gli italiani nell’elenco sono due: Cesare Nosiglia di Torino e Vincenzo Bertolone di Catanzaro-Squillace).

Il cardinale Dionigi Tettamanzi, che arrivò anche lui a Milano già cardinale dopo un breve episcopato a Genova, e lascia oggi dopo 9 anni per ragioni di età diventerà amministratore apostolico della diocesi ambrosiana fino al momento dell’ingresso del suo successore, che avverrà con molta probabilità nella seconda metà di settembre. Membro di Comunione e Liberazione (Leggi l’articolo di Gianni Barbacetto) già prima di essere ordinato prete (e per questo non incardinato a suo tempo nella diocesi di Milano), Scola è un teologo di alto livello (ha studiato e insegnato a Friburgo ed è stato docente per molti anni e poi rettore dell’Università Lateranense) e un pastore molto esperto (ha guidato anche la diocesi di Grosseto e a Venezia) scelto dal Pontefice dopo un’ampia consultazione.

Scola ha partecipato al conclave del 2005 che ha eletto Jospeh Ratzinger e ha continuato a mantenere un rapporto personale con il Pontefice del quale è considerato un fedelissimo discepolo fin dai tempi della rivista “Communio” nella cui redazione figurava peraltro anche il cardinale Marc Ouellet, l’attuale prefetto della Congregazione dei vescovi che ha istruito le pratiche relative alla nomina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vietare le droghe funziona?

prev
Articolo Successivo

Angelo Scola, rinnovo il mio invito al dia-logos

next