Perchè domenica e lunedì dobbiamo andare a votare per Giuliano Pisapia, Luigi de Magistris e gli altri candidati di centro sinistra? Per almeno 10 buone ragioni…

1) Perchè per arrestare l’aumento della spazzatura in una città bisogna prima arrestare camorristi e mafiosi, che sono i veri rifiuti umani e urbani della società.

2) Perchè non voglio più vedere manifesti con la scritta “Immigrati clandestini: torturali! E’ legittima difesa”.

3) Perchè voglio vedere più manifesti con due uomini che si tengono per mano.

4) Perchè non ho paura di chi prega nelle moschee ma di chi non accetta che si possa pregare un dio diverso dal proprio.

5) Perchè secondo il dizionario Devoto-Oli (1971) la “Padania” è semplicemente sinonimo geografico di Val Padana e non il ridicolo progetto di un manipolo di secessionisti.

6) Perchè Michael Chaplin ha riconosciuto plausibile la storia che il papà fosse nato in un carrozzone di gitani. Il padre si chiamava Charlie. Charlie Chaplin. Charlot quindi era rom

7) “Perchè votare i candidati della sinistra al ballottaggio è una questione di decoro politico” (Non lo hanno scritto quelli de il Fatto ma quelli di destra de il Futurista).

8) Perchè sui quotidiani internazionali primeggi il nostro export e non le nostre escort.

9) Perchè se il vento cambia non sentiremo più la puzza del malaffare.

10) Perchè ci meritiamo di vivere in un Paese normale.

E voi, perché?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Berlusconi: “Se Perdo nessuna crisi”

next
Articolo Successivo

Red Ronnie e gli altri ‘megafoni’ di Letizia

next