Spreco di cibo, un lusso che danneggia l’ambiente. Secondo uno studio del Wwf, gli inglesi buttano via un terzo di quello che comprano, bruciando almeno 500 sterline per famiglia. E non sanno che, così facendo, contribuiscono all’inquinamento, visto l’inutile trasporto di merci che poi vengono buttate via e lo spreco di risorse idriche utilizzate per produrre il cibo scartato. Insieme agli alimenti, è come se finissero nella spazzatura 6,2 miliardi di metri cubi d’acqua, 300 litri al giorno per ogni inglese. Il Wwf stima che lo spreco di alimenti è responsabile del 23% dell’impronta ecologica del Regno Unito. Con un consumo del 6% del fabbisogno idrico nazionale e un aumentano del 3% dei gas serra.

A svelare le dimensioni del problema è il nuovo dossier che il World Wildife Fund ha prodotto sul fenomeno, The water and carbon footprint of household food and drink waste in the UK, pubblicato con la collaborazione dello Waste & Resources Action Programme (Wrap). I sudditi di Sua Maestà producono rifiuti alimentari, comprese le bevande, per 8,3 milioni di tonnellate all’anno, oltre un terzo di tutto il cibo acquistato. Il fenomeno dello spreco sarebbe evitabile, nella maggior parte dei casi: il 60% del cibo che finisce in pattumiera, infatti, potrebbe essere mangiato, se si pianificassero meglio i meccanismi legati alla sua produzione, distribuzione e immagazzinamento.

“La crescente preoccupazione per la disponibilità di acqua ha evidenziato che è fondamentale capire le connessioni tra i rifiuti di cibo, acqua e cambiamento climatico”, afferma Liz Goodwin, amministratore delegato del Wrap. Sono infatti i dati relativi al consumo di acqua a colpire maggiormente: “L’impronta idrica di cibo sprecato (indicatore dell’acqua consumata per produrlo, ndr), 280 litri per persona al giorno, è quasi il doppio della media giornaliera dell’uso domestico di acqua nel Regno Unito, 150 litri per persona al giorno”, sottolinea la Godwin: “Cifre abbastanza impressionanti”.

I dati dell’ultimo rapporto rappresentano un fenomeno che negli ultimi anni si è aggravato, visto che nel 2008 le tonnellate di cibo buttate via erano 6,7 milioni. Con conseguenze negative sull’ambiente e sul portafoglio delle famiglie. Lo spreco alimentare resta una piaga delle nazioni “ricche”, come denuncia Tristram Stuart, autore del saggio-inchiesta Sprechi. Il cibo che buttiamo, che distruggiamo, che potremmo utilizzare. Lui, per protesta, ha deciso di cibarsi degli scarti dei supermercati: frutta e verdura non “adeguata” per forma e colore, cibi in confezioni danneggiate. Una soluzione per diminuire la pressione su ciò che resta degli ecosistemi naturali del pianeta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il referendum e l’acqua sporca

prev
Articolo Successivo

La Germania si interroga sul “carbone pulito”

next