Piobesi Torinese è un comune di circa 3.500 abitanti. L’amministrazione guidata dal sindaco Giuliano Bollati si mette in testa di realizzare una nuova scuola elementare con 6 aule didattiche, una mensa e un parco che la avvolge, tutto intorno. Fino a qui niente di speciale o di nuovo, sia chiaro. Ciò che fa la differenza è il come questa nuova scuola viene messa in piedi: completamene secondo i principi e i criteri della bioedilizia. Questo consente all’edificio, che oggi ospita circa 300 alunni, di raggiungere la classe energetica B, con un consumo medio di 46 Kw/mq h.

L’intervento è costato circa due milioni di euro, ed è stato progettato da uno studio di bioarchitettura che ha investito energia ed entusiasmo in un progetto di comunità. La scuola è fatta di argilla, legno, vernici ecologiche. E poi ancora pannelli solari, geotermia, c’è persino un “veliero fotovoltaico” nel mezzo del laghetto nell’area verde circostante. La scuola, pensata e progettata nel 2006, è stata realizzata tra il 2008 e il 2010, e il cantiere è diventato un’aula didattica permanente in cui sono passati quasi 160 alunni che hanno visto crescere l’opera pubblica imparando fase dopo fase le tecniche di lavorazione, il perché di certe scelte, i benefici ambientali della costruzione.

Oggi la scuola non consuma energia nucleare, o da derivati del petrolio, ma l’edificio produce ciò di cui ha bisogno e grazie al contenimento energetico è indipendente dalla “nascita”. Il Comune ci guadagna due volte: sulla bolletta e sulla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera. Quando scopri progetti come questo cogli meglio il senso del lavoro che stai cercando di portare avanti con l’Associazione Comuni Virtuosi: scovare in giro per l’Italia perle di un altro modo di fare amministrazione, dimostrando che si può governare interi territori con buonsenso e concretezza, e una visione di futuro fatto di energia pulita e risparmio energetico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legambiente: il cemento
si sta mangiando l’Italia

next
Articolo Successivo

I pm dei rifiuti lasciano la procura di Napoli

next