Il gip del tribunale di Bari Sergio Di Paola ha archiviato, su richiesta della procura, l’indagine a carico del presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola. Vendola era indagato, assieme ad altre dieci persone, per presunte pressioni politiche, nel 2008, nei confronti dei direttori generali di alcune Asl pugliesi per indurli a nominare direttori amministrativi e sanitari graditi al governo regionale.

Nell’indagine Vendola era indagato per concussione, ma sia la pubblica accusa sia il gip hanno ritenuto i fatti non penalmente rilevanti. La richiesta di archiviazione era stata depositata presso l’ufficio gip nel marzo 2010 ed era firmata dai tre pubblici ministeri titolari del fascicolo – Francesco Bretone, Marcello Quercia e Desirè Digeronimo.

“Non c’è telefonata mia, non c’è atto mio che possa essere rappresentato come una pressione indebita e che non sia, invece, finalizzato a tutelare l’interesse pubblico”. Questa la reazione del presidente della Regione Puglia dopo la notizia dell’archiviazione. “Lo Spoil system è previsto dalla legge, nel senso che la legge affida ai governi regionali la selezione dei manager sanitari con un mandato fiduciario. Io – ha aggiunto Vendola – non lo ho applicato perché ho selezionato dal passato molti manager e soprattutto lo sto cambiando, perché ho fatto la legge più d’avanguardia d’Italia per formare e selezionare per merito i nuovi manager”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Emiliano: “L’errore di Nichi, non liberarsi subito di Tedesco”

prev
Articolo Successivo

Catania: non è una storia di lap dance

next