“Mi spiace dover dire una cosa che farà male a moltissimi meridionali perbene, e ce ne sono tanti, ma se fate caso tutti i voltagabbana acquistati da B. in questo mercato delle vacche, se si eccettua Calearo, sono tutti meridionali a prova che nel Sud la classe dirigente è la causa di tutte le disgrazie di questa martoriata terra, e purtroppo non si vede uno spiraglio a questa tragedia”.

Così scrive “Giorgio 2010” tra i commenti al mio discusso e provocatorio post sulle responsabilità della candidatura e dell’elezione nel Pd di Bruno Cesario, decisivo nel salvare il governo Berlusconi. Napoletano, infatti, è il suddetto Cesario (e ribadisco: se D’Alema non avesse optato per l’elezione in Puglia, Cesario ora starebbe a casa). Siciliano è Domenico Scilipoti, il sosia di Danny De Vito fulminato sulla via di Arcore dopo essere stato eletto in Idv nel nome dell’antiberlusconismo. Di origini abruzzesi è l’altro deputato ex dipietrista Antonio Razzi, al quale auguriamo di estinguere presto il mutuo che lo riguarda. Di Agerola, tra Napoli e la costiera amalfitana, è il deputato eletto nelle fila dell’Udc Michele Pisacane, famoso per aver fatto eleggere in consiglio regionale la moglie candidata col cognome ‘Pisacane’, che entrò nell’Udc dopo essere stato eletto  nell’Udeur e ora esce dal partito di Casini per fondarne un altro, il Pdi, e sostenere il Cavaliere.

E a questo punto faccio un piccolo passo indietro e ricordo che al Senato nel 2008 Prodi cadde per il passaggio nel centrodestra del beneventano Clemente Mastella (che vorrebbe fare il sindaco di Napoli) e dei napoletani Tommaso Barbato e Giuseppe Scalera, ovvero due udeurrini e un margheritino. E poi: di dov’è quel parlamentare, Riccardo Villari, che eletto nel Pd voleva a tutti i costi presiedere la commissione di vigilanza Rai coi voti del Pdl? Ma di Napoli, ovviamente.

Ed ancora: quando pochi mesi fa il pidiellino Stefano Caldoro ha vinto le elezioni regionali ed è diventato Governatore della Campania, ha composto una giunta composta per cinque dodicesimi da politici che fino a poco prima erano organici alla maggioranza di centrosinistra di Antonio Bassolino. Il segnale che ne uscì era chiarissimo: bisogna premiare i cambi di casacca, senza i quali a Napoli nemmeno B. può avere la meglio.

Nomi e cognomi: il vice presidente della giunta regionale Giuseppe De Mita (Udc), ex segretario avellinese del Pd (nipote di Ciriaco De Mita); l’assessore al Personale Pasquale Sommese (Udc), ex vice segretario napoletano del Pd ed ex consigliere regionale della Margherita Pd; l’assessore all’Università Guido Trombetti, che pezzi del Pd avrebbero voluto candidare a Governatore della coalizione di centrosinistra contro Caldoro; l’assessore al Lavoro Severino Nappi (Udeur), ex componente della segreteria napoletana dei Ds; l’assessore all’Avvocatura Ernesto Sica (Pdl), già consigliere regionale della Margherita e organizzatore nella sua Pontecagnano delle feste nazionali del partito di Rutelli, happening politico irrinunciabile per i fans di Ciriaco De Mita e Bassolino (Sica si è poi dimesso ma per note ragioni extrapolitiche).

Vogliamo guardare anche nelle amministrazioni provinciali? Mi fermo a Napoli, perché la nausea inizia a farsi forte, e dico che in presenza di una maggioranza fondata sull’asse Pdl-Udc, quasi mezzo gruppo consiliare del partito di Casini proviene dal Pd o da Idv e uno dei suoi assessori, Pietro Sagristani, era assessore in quota Pd nella precedente giunta di centrosinistra e si è candidato al consiglio provinciale nella lista Udc mentre era ancora assessore democrat in carica: si è dimesso solo dopo aver ufficializzato e firmato la candidatura a sostegno dell’azzurro Luigi Cesaro.

Le degenerazioni del trasformismo in politica sono alcune delle tante questioni meridionali irrisolte? Perché nel Sud i voltagabbana proliferano? E’ sufficiente la spiegazione dell’assenza di un radicato voto d’opinione? E’ plausibile definire i cittadini succubi di politici ai quali implorare piaceri e favori, con l’effetto di creare una banda di cacicchi capace di trasportare ovunque e senza conseguenze il proprio serbatoio elettorale? Non lo so, io faccio il giornalista e non ho gli strumenti e le conoscenze appropriate per dare una risposta alle domande che pongo. Voi cosa ne pensate?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corrida

prev
Articolo Successivo

Catia Polidori, l’ombra di B. si chiama mr Cepu. Barbareschi: “E’ stata minacciata”

next