Si era stracciato le vesti quando era finito in galera per “Vallettopoli”: aveva pure scritto il libro alla Silvio Pellico “Le mie prigioni” né si era fatto mancare il videoclip-rap mandato in onda sulle reti musicali: “Ostaggio dello stato”.

Ora scopriamo che Fabrizio Corona, simbolo del duro-stra-figo all’amatriciana, deve la sua fulminante carriera – oltre casi di estorsione per i quali è stato condannato – ad una relazione con l’agente tv Lele Mora (a sua volta fan sfegatato di Mussolini): “Ebbi una relazione con Fabrizio Corona, spesi per lui circa 2 milioni di euro nel periodo 2004-2006”, questo quanto afferma Lele Mora (e il denaro, tra l’altro, sarebbe stato pagato tramite fatture false).

Questa notizia, certo, non cambia la vita del paese: vivremmo benissimo anche senza sapere nulla di Corona. Però proprio lui, Fabbri, per anni, prima e dopo il carcere, non solo aveva usato la solita retorica-da-vittima-di-magistrati tanto cara a politici indagati e condannati, ma si era spacciato anche come il simbolo dei “vincente” italiano dei giorni nostri.
Nel rap il suo sodale Kalief canta: “Vorresti farti anche te/ Un giro all’Holliwood con Fabri e con me/ lui prende la Blentey io il cabrio cupè/ ci trovi facilmente siamo nel privè/ sei invidioso di noi/ alle tipe piacciono i bad boy”.

Sì come no, non vedevamo tutti l’ora di andare al privè dell’Holliwood; e di farci un giro con la Bentley regalata da Lele Mora: la stessa auto con la quale Corona stava investendo il nostro collega Ferruccio Sansa (i bad boy, inoltre, piacciono evidentemente anche ai “tipi”).

In realtà anche il “duro”, santificato da talk-show, giornali di gossip, reality-show;  l’opinionista che sa “come vanno le cose”; si sarebbe “fatto strada” non disdegnando rapporti che hanno l’agro sapore delle marchette. Altro che vincente:  per quanto ci riguarda, è sempre stato un gran sfigato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Minzolini: “Con voi del Fatto non ci parlo”

next
Articolo Successivo

Parla con me, andrà in onda lo spot censurato

next