Da quei pericolosi “cattocomunisti” che diffondono Famiglia cristiana, eversivo giornaletto che getta discredito sul governo e confonde le menti degli italiani si apprende la notizia dell’esistenza di un protocollo dall’eloquente titolo “Allenati per la vita“, sottoscritto dai Ministri Gelmini e La Russa. L’importante protocollo prevederebbe crediti formativi scolastici ottenuti dai ragazzi attraverso la partecipazione  a corsi di sopravvivenza in cui sarebbe essenziale tirare con l’arco e sparare con la pistola. Interessante, avranno pensato i due intellettuali firmatari del protocollo, movimentare la monotona esistenza degli studenti. Costretti a studiare, annoiandosi, nelle grigie, e cadenti (o meglio fatiscenti), aule delle scuole italiane cosa c’è di meglio di un corso di sopravvivenza, con insegnanti prestanti, palestrati, insomma dei veri Rambo, piuttosto che i depressi prof. che affollano le scuole? E così due, tra i più brillanti e culturalmente dotati, ministri del governo “del fare” hanno pensato di far compiere finalmente il salto di qualità alla scuola italiana.

Mi chiedono i miei figli, ancora ignari per età della mefitica stagione italiana: “Papà, ma cosa c’entra tutto questo con la formazione delle ragazze e dei ragazzi?” “Nulla – rispondo – proprio nulla. Il fatto è che quei due ministri ignorano la funzione della scuola, o forse lo conoscono troppo bene e vogliono impedire che essa funzioni”. Invece mi chiedo io: forse La Russa e Gelmini hanno in mente i nuovi balilla o una nuova milizia nazionale? Distruggono la scuola pubblica, gettano sul lastrico gli insegnanti precari mentre le poche risorse disponibili le impiegano in progetti apertamente diseducativi e in contrasto con la funzione riconosciuta dalla Costituzione alla scuola, fondata sui valori di pace, solidarietà e uguaglianza: l’esatto opposto dell’educazione all’aggressività e alla violenza previste dal protocollo. Credo che questa sia una ragione in più per andare subito a elezioni e cacciare questi signori dal Governo del Paese.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Insegnanti tappabuchi

next
Articolo Successivo

Gelmini-La Russa e la “colombina” all’italiana?

next