Scrivi di mafia. Denunci i pericolosi rapporti con la politica. Pubblichi interviste, documenti, interventi sulla legalità, contro il bavaglio, le intercettazioni. Risultato: ti ritrovi il sito sotto scacco da parte di un hackeraggio organizzato, iniziato mesi fa e sfociato oggi con la distruzione di oltre 300 documenti. Capita al sito di Articolo21 e non sembra un caso visto “che da tempo abbiamo lanciato l’appello a sostegno del presidente Napolitano e per promuovere una grande mobilitazione per la legalita”.  L’appello lanciato da Stefano Corradino, direttore dell’associazione, questo pomeriggio si è materializzato in una denuncia alla Polizia postale.

“Nella giornata di oggi – informa Articolo21 – un pesante attacco hacker ha letteralmente devastato il sito eliminando definitivamente articoli, interviste, editoriali, commenti. Tra l’altro anche oggi, come successo per altri attacchi hacker, l’operazione chirurgica contro il nostro giornale on-line si è scatenata in coincidenza con la pubblicazione di un nuovo intervento di Roberto Morrione, direttore di Libera informazione”.

Non è la prima volta che Articolo 21 subisce un attacco da parte degli hacker. “Era già capitato – precisa Corradino – e guarda caso proprio in coincidenza della nostre campagne che denunciavano pesanti connivenze tra la politica e i clan”.  Ora però la faccenda sembra farsi più seria. “Soprattutto vista l’entità del danno”, precisa Corradino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Una zanzara nervosa

prev
Articolo Successivo

Mister B e la Tv dei comunisti

next