/ Diritti

di Andrea Tundo | 24 marzo 2017

Trans chiusa per due mesi nel reparto maschile del Cie di Brindisi vince la sua battaglia e torna libera

"Sono felice e ora lotterò perché questa cosa, che mi è costata tanta sofferenza, non capiti ad altre. Chiedo rispetto per le identità di genere", racconta Adriana, che ha ottenuto attenzione dopo un lungo sciopero della fame. Al Fatto.it aveva denunciato: "Dormo sotto le telecamere per paura di ricevere molestie"

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×

Garantire la libertà de ilfattoquotidiano.it costa il prezzo di un cappuccino alla settimana.
Sostieni il nostro giornalismo a 60 euro l’anno o 5,99 euro al mese.

Diventa sostenitore
×