/ / di

Nicolò Carnimeo Nicolò Carnimeo

Nicolò Carnimeo

Docente universitario e scrittore

Il mare è il mio orizzonte, mi riconosco nei suoi valori e nelle sue qualità. Lo guardo dalla finestra e gli sono vicino anche quando lavoro, insegno Diritto della Navigazione e dei Trasporti all’Università di Bari, mi occupo di navi, porti, coste, tutela dell’ambiente e anche di pirati. Non ho voluto fare l’avvocato, avrei avuto poco tempo – il tempo è per me la vera ricchezza – per dedicarmi a due grandi passioni, scrivere e viaggiare. L’ultima navigazione mi ha portato dalla Malesia alla Nigeria in un mare tempestoso, tra profonde diseguaglianze che si stenta a credere, ho pubblicato una delle prime inchieste (Nei mari dei pirati, Longanesi) sulla pirateria moderna, specchio dei nostri tempi. Ma in più di vent’anni in giro per il mondo occupandomi di esteri e cultura ho scritto decine di saggi, articoli, reportage per quotidiani e riviste in Italia e all’estero e siedo nel comitato di redazione di Limes Rivista di Geopolitica. Con Limes sono stato inviato nei Balcani durante la guerra. In Montenegro ho vissuto un anno. Da qui è nato Montenegro viaggio senza tempo (Giorgio Mondadori) con prefazione di Emir Kusturica e un altro volume Le Montagne del Mediterraneo di cui sono coautore. Poi è la mia terra, la Puglia, che anche quando sono lontano porto sempre nel cuore. L’ho percorsa lentamente, a piedi, in bicicletta, e, soprattutto, a vela. Dal 1992 ne scrivo su La Gazzetta del Mezzogiorno dove curo anche la rubrica L’Angolo del Mare. Ho partecipato in qualità di coautore a diverse pubblicazioni Puglia e Basilicata, mura, castelli e dimore; Puglia e Basilicata. I luoghi e i gesti della fede; Puglia e Basilicata, la natura e i segni dell’uomo tutte edite dalla Giorgio Mondadori e poi all’Enciclopedia Mari e coste d’Italia, distribuita con il Corriere della Sera. Nel 2014 esce Com’è profondo il mare. La plastica, il mercurio, il tritolo e il pesce che mangiamo, edito per Chiarelettere. Un luogo nel mio peregrinare mi ha fulminato, è una Stazione di Vedetta sul porto di Giovinazzo (Bari) come una nave di pietra, circondata da tre lati dal mare e dall’altro dalla cattedrale romanica. Qui sono tra i fondatori de la Vedetta sul Mediterraneo, prima associazione europea degli scrittori di mare. Se passate di lì venitemi a trovare. Da qualche tempo scrivo anche per il web su La Stampa.it e sul Fatto Quotidiano dove soffia una brezza di autentica libertà. Tutti noi – classe ‘68 – coltiviamo sogni, il mio è un giorno mollare gli ormeggi, potermi permettere una barca a vela solida abbastanza per attraversare il Mediterraneo e l’oceano sino ai Caraibi.

Blog di Nicolò Carnimeo

Cultura - 3 marzo 2017

Gin Tonic a occhi chiusi, i protagonisti mancati di una terrazza di Sorrentino

Negli occhi di molti è rimasta impressa la scena iniziale, la festa e il trenino de La grande bellezza di Paolo Sorrentino, una Roma decandente, un mix di vecchia aristocrazia, borghesia emergente, politica e spettacolo, spesso vuota alla disperata ricerca di una identità. Ma la vacuità di questo pezzo di società, i giochi di potere, i […]
Cultura - 3 febbraio 2017

Predrag Matvejevic, un grande uomo morto dimenticato in un ospedale

L’appello per il Nobel della Letteratura a Predrag Matvejevic era stato lanciato anche in questo blog, una lettera condivisa da decine di intellettuali, giornalisti, docenti universitari che oggi ha il sapore dell’ultimo saluto allo scrittore bosniaco che si è spento a Zagabria dove si era trasferito qualche anno fa dopo aver lasciato l’insegnamento di Slavistica […]
Cinema - 31 gennaio 2017

Oceania, l’ultimo capolavoro Disney fa riscoprire mondi perduti

Velocissime zattere a vela volano sulle onde dell’oceano, come nella fantasia dei nostri bambini, la guida Maui un semidio borioso che riesce ad imbrigliare anche il vento e poi Vaiana Waialiki figlia ed erede del capo della piccola isola polinesiana di Motonui. Naturalmente, parliamo di Oceania, l’ultimo capolavoro Disney che racconta l’epopea dei popoli del mare […]
Società - 27 dicembre 2016

Natale e il bisogno di ritornare al mare

Questo Natale più di altre volte ho sentito il bisogno di ritornare al mare, nei suoi abissi più profondi. Scrivo mentre il treno sta per varcare i confini della Liguria: qui nell’area protetta delle Cinque Terre ci si può tuffare fluttuando verso l’Altissimo, realizzando una delle immersioni più suggestive al mondo. Il Cristo degli abissi di […]
Cultura - 11 dicembre 2016

Rais, un romanzo mediterraneo tra storia e leggenda

Ho appena terminato di leggere Rais di Simone Perotti (Frassinelli), e non voglio solo segnalarlo agli appassionati di romanzi storici, o agli indecisi tra una strenna e l’altra (vi assicuro non sbagliate) tra pile di libri (molti ne hanno solo l’aspetto…) in affollatissime librerie natalizie, ma colgo l’occasione per qualche riflessione in più. L’impressione forte è […]
Televisione - 28 novembre 2016

Luciana Littizzetto e quei ‘vaffa’ spiegati a mia figlia. Qual è il limite?

Non riuscivo a spiegarmi perché da ieri sera mia figlia di cinque anni mi chiedesse chi è l’uomo della ferramenta? E cosa volesse dire “vaffanculo”. Dove l’hai sentito? Le ho chiesto dissimulando un sorriso. “Lo ha detto la tv”, ha risposto decisa. La cosa non mi stupiva affatto, il turpiloquio è ormai comune in tutta […]
Cronaca - 14 novembre 2016

Enzo Maiorca, non solo sfide sportive ma anche umane e ambientaliste

Incontro Enzo Maiorca di fronte al mare della sua Siracusa, il mare delle prime immersioni nel blu profondo, il viso sembra scolpito così come le parole che scandisce con lentezza e chiarezza. Gli spiego che sto scrivendo una serie di articoli sulle sfide impossibili, non mi lascia terminare la frase ed esordisce: “Guardi che io […]
Diritti - 1 novembre 2016

Minori non accompagnati: un bimbo migrante sta per affogare, lo salviamo o no?

La Vos Hestia ci pare leggermente piegata su un fianco come stesse riposando. La nave di Save the Children che salva i bambini migranti è all’ormeggio nel porto di Catania, di miglia ne ha fatte tante negli ultimi giorni e il tempo non è stato clemente. Bisogna approfittare dei momenti di tregua, l’emergenza è all’ordine del […]
Diritti - 3 ottobre 2016

Lampedusa, il ricordo della strage di migranti del 3 ottobre 2013: ‘La cittadinanza è universale’

Lampedusa. “Per quanto possano essere limitate, le isole non sono prive di drammi di portata universale. La storia non le ignora e in esse trova talvolta il suo epilogo. Altre volte invece la storia vi comincia”. Questa frase dello scrittore Predrag Matvejević – autore, tra gli altri, di ‘Breviario Mediterraneo‘ (edito per la prima volta da Garzanti […]
Cultura - 6 settembre 2016

Predrag Matvejevic, l’appello: ‘Cure adatte per lo scrittore’

Questo blog ha già ospitato la lettera di un gruppo di scrittori e intellettuali per candidare il bosniaco Predrag Matvejevic autore dell’indimenticato “Breviario Mediterraneo” (Garzanti) al Nobel per la letteratura. Da allora, in migliaia dall’Italia e dall’estero, hanno firmato la sottoscrizione che è stata poi inviata all’Accademia di Svezia. Attualmente lo scrittore è ricoverato presso un […]
Ivan Talarico, sul ring della vita e della poesia
BelloFigo, Livorno sfida insulti e minacce e fa cantare il rapper: “Non capirlo è impossibile, noi ribelli come lui”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×

Garantire la libertà de ilfattoquotidiano.it costa il prezzo di un cappuccino alla settimana.
Sostieni il nostro giornalismo a 60 euro l’anno o 5,99 euro al mese.

Diventa sostenitore
×