Aveva parcheggiato la sua Ferrari blu nel posto riservato ai disabili in via Montenapoleone a Milano e invece di scusarsi ha aggredito il padre di un ragazzino disabile che gli aveva chiesto di spostarsi. La cronaca di questo ennesimo episodio di inciviltà è riportata da Il Corriere della Sera e Il Giorno ed è avvenuto ieri pomeriggio. “Io me ne frego di te e della polizia” ha detto il proprietario dell’auto risalendo in macchina e dopo aver insultato l’uomo mentre il figlio spaventato ha assistito a tutta la scena.

Sul posto sono arrivati gli uomini della Volante: l’auto risulta intestata a un imprenditore milanese, 59 anni, residente a Lugano, che ha precedenti per lesioni, minacce, percosse, oltraggio a pubblico ufficiale. Secondo quanto riporta il quotidiano di via Solferino non potrebbe guidare, perché la patente gli è stata revocata. Il suo nome e un paio d’aziende a lui collegate, con sede alla Isole vergini britanniche, compaiono infatti nei file “Panama papers”, l’archivio dello studio legale panamense “Mossack Fonseca”, specializzato nella creazione e gestione di società offshore in cui sono confluiti patrimoni e denaro di personalità della politica e dell’imprenditoria mondiale.