Dodicimila persone evacuate, 12 vigili del fuoco feriti e quattromila pompieri che tentano di spegnere le fiamme. Continua l’allarme incendi nel sud-est della Francia: da tre giorni le fiamme stanno divorando migliaia di ettari di terreno lungo la costa mediterranea e in Corsica. I roghi sono arrivati fino alla zona del Golfo di Saint Tropez.

Secondo quanto riporta France Info un nuovo incendio è divampato a Martigues, nel dipartimento delle Bocche del Rodano della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Nella zona è in corso l’evacuazione del villaggio di Cerro, dove un centinaio di ettari sono già andati in fumo, decine di case sono minacciate dalle fiamme e circa 200 vigili del fuoco stanno lottando per mettere in sicurezza l’area, molto frequentata dai turisti nella stagione estiva. Evacuati anche un camping e un residence mentre sono 15 i poliziotti intossicati nel tentativo di domare gli incendi che da tra giorni stanno flagellando la zona.

L’ultimo rogo ha interessato un’area di almeno 800 ettari. Almeno 400 ettari di terreno sono stati completamente bruciati, invece, a Bormes-les-Mimosas, nel dipartimento del Var, un’area molto frequentata in estate.  Il vento, secondo la prefettura, soffia con raffiche di 60/70 chilometri l’ora. Il sindaco Francois Arizzi ha detto a RMC che l’incendio continua a progredire e non è ancora sotto controllo.