Per la seconda volta in tre mesi il Senato lascia il ministro Luca Lotti al suo posto. Per la seconda lascia il braccio destro del segretario del Pd Matteo Renzi fuori dal caso Consip, come se non lo coinvolgesse. Per la seconda volta, in ogni caso, a estromettere dalle responsabilità politica il ministro indagato per favoreggiamento e rivelazione di segreti d’ufficio sono le larghe intese. Anzi, di più: ora viene rimosso dal suo incarico – con i voti del Pd insieme a quelli del centrodestra – l’amministratore delegato della società che si occupa di appalti della Pubblica amministrazione, Luigi Marroni, la cui testimonianza ha portato i pm ad indagare Lotti I voti che bocciano la mozione di Mdp e che approvano quella del Pd sono gli stessi. La maggioranza non trova i voti degli ex Pd (per l’ennesima volta dopo la riforma penale e la manovra correttiva), ma viene sostenuta dal centrodestra: Forza Italia quasi in massa, ma anche i verdiniani di Ala e gli ex eletti del Pdl come Gaetano Quagliariello che ora hanno formato l’ennesimo gruppuscolo, Federazione della Libertà. In tutto 39 parlamentari. I berlusconiani negano, dicono che ciò che è importante è che “la maggioranza ha dovuto piegarsi alla volontà dell’opposizione di centrodestra e accettare il dibattito” che il Pd in mattinata voleva rinviare. Quindi dire solo che “una parte dei senatori di centrodestra ha votato la mozione Zanda” per i forzisti “significa dare una versione falsata della realtà”.

Eppure il dato resta. Passa la mozione della maggioranza che chiedeva di rinnovare i vertici della Consip “in tempi celeri e solleciti” che poi sarebbe anche la stessa cosa. Tradotto: quel testo approvato chiede al governo di rimuovere Marroni, le cui parole hanno portato l’indagine Consip a un livello superiore sulle fughe di notizie. Una richiesta che arriva dopo settimane in cui il ministro dell’Economia Piercarlo Padoan ha lasciato Marroni al proprio posto, ignorando – col Pd e con la maggioranza – l’imbarazzo di avere a capo dell’azienda un manager che accusa il ministro e il ministro stesso che nega ciò di cui viene accusato.

Dall’altra parte viene bocciata invece la mozione di Mdp che nelle premesse faceva riferimento proprio a Lotti e indicava come necessaria la revoca delle sue deleghe al governo, almeno fino alla risoluzione dell’inchiesta giudiziaria che lo vede coinvolto con il presidente dimissionario della Consip, Luigi Ferrara, e un alto ufficiale dei carabinieri. Il testo di Mdp era l’unico che – sulla carta – poteva avere qualche speranza di mettere all’angolo il Pd, Lotti, il governo che d’altra parte aveva dato parere contrario. Ma le opposizioni di centrodestra per metà hanno votato col Pd. E così il documento firmato da Miguel Gotor – il più bersaniano dei bersaniani al Senato – alla fine raccatta una miseria di voti: ai suoi si aggiungono quelli dei senatori di Sinistra Italiana, dei 33 – compatti – del Movimento Cinque Stelle e di pochi altri.

Per la cronaca di mozioni in votazioni poi ce n’erano altre tre, ma due – quelle di Sinistra Italiana e Lega Nord – sono state bocciate con i soli voti favorevoli dei gruppi che le hanno proposte. Il quinto atto d’indirizzo, invece, è quello firmato da Andrea Augello (Federazione della Libertà, eletto con l’allora Pdl, ex An). Quest’ultimo è stato approvato anche con il sostegno del Pd e della maggioranza dopo una riformulazione chiesta in Aula dal viceministro dell’Economia Enrico Morando. E’ per questo che la mozione è passata con la bellezza di 244 sì, cioè oltre i due terzi dell’assemblea di Palazzo Madama. In pratica il testo chiede – anche questa – il rinnovo della dirigenza di Consip e in più soltanto un’inchiesta amministrativa per capire meglio di cosa parlasse Marroni quando ha raccontato ai pm di aver subito pressioni da Tiziano Renzi, padre dell’ex presidente del Consiglio. Augello ha invece accettato di eliminare dalla mozione la richiesta di sospendere le gare per le quali i vertici della Consip erano stati oggetto di “richieste di favori”.

Infine le macerie vere restano quelle dei rapporti interni alla maggioranza. Per la terza volta in una settimana, infatti, Articolo 1-Mdp è uscita di fatto dalla maggioranza, dopo l’astensione sulla riforma penale e la fiducia negata sulla manovrina all’interno della quale è stata infilata quella che gli ex Pd ritengono la reintroduzione dei voucher. Alle spaccature nel merito, si aggiunge la dialettica da separati in casa. “Il caso Consip – dice Gotor – ci dice del ruolo del familismo, della messa in pratica di una sorta di chilometro zero del potere, in cui si ha l’impressione che il perimetro del potere sia troppo spesso stato tracciato con la squadra e il compasso toscani”. Andrea Marcucci, pretoriano del renzianesimo, salta sulla sedia. Davanti alle telecamere del fatto.it dice che serve una verifica di governo perché così non si va avanti. La verifica facciamola sulla questione morale, gli risponde Gotor. Poi arriva il voto che schiaccia Mdp e Zanda riporta la calma: “Parliamo solo di una verifica politica”.

CRONACA ORA PER ORA 

18.47 – Approvata la mozione di Augello
L’Aula di Palazzo Madama dice sì con 244 sì, 17 no 11 astenuti al dispositivo della mozione sul caso Consip presentata dal senatore della Federazione della Libertà Andrea Augello, riformulato così come richiesto dal governo. Cioè solo le parti 1 e 3 del dispositivo, escludendo la 2: quella in cui si invitava l’esecutivo a individuare e sospendere le gare per le quali i vertici della Consip erano stati oggetto di “altre richieste di favori”.

18.46 – Approvata la mozione del Pd
L’Aula di Palazzo Madama ha approvato la mozione di maggioranza, primo firmatario Luigi Zanda, con 185 voti favorevoli, 76 contrari e 5 astenuti.

18.45 – Respinta la mozione di Mdp
L’Aula del Senato boccia la mozione Mdp su Consip. Il testo viene respinto con 182 voti contrari, 69 favorevoli e 16 astenuti. La cifra dei “no” è ben oltre la base di voti a disposizione della maggioranza e ha pescato quasi certamente nel centrodestra. Bocciate anche le mozioni di Sinistra Italiana e Lega Nord.

18.41 – Il Pd voterà solo la mozione Zanda
Il Pd voterà a favore della mozione a prima firma del capogruppo Luigi Zanda e di quella, riformulata, a firma di Andrea Augello. “Tengono conto del quadro nuovo che si è determinato, che guardano ai compiti della politica”, spiega in Aula il senatore Franco Mirabelli. “Il nostro compito di oggi in quest’Aula non era e non è quello di sostituirci alla magistratura né quello di fare processi sommari. Il rispetto viene a mancare se per sfruttare politicamente una discussione serie si corre a pronunciare invettive”, spiega Mirabelli rivolgendosi al senatore Mdp Miguel Gotor.

18.31 – Forza Italia vota solo la mozione Augello
“Voteremo la mozione Augello, ci piace la riformulazione che fa riferimento all’assemblea del 27. Quanto alle dimissioni del ministro, ci penseranno gli elettori. Noi crediamo alla democrazia salvifica”. Lo afferma Maurizio Gasparri annunciando il voto favorevole di Forza Italia alla mozione Augello.

18.23 – M5s voterà a favore della mozione Mdp
“La mozione Pd è finta, non va neanche presa in considerazione. Voteremo sì a tutte le altre, che vanno prese in considerazione, inclusa quella riformulata del senatore Augello”. Lo afferma in Aula il capogruppo M5S al Senato Carlo Martelli. 

18.21 – Sinistra Italiana voterà a favore della mozione Mdp
La capogruppo Loredana De Petris ha annunciato che Sinistra Italiana voterà al Senato a favore della mozione Augello, ovviamente a favore della propria, a favore di quella di Mdp e contro quella del Pd. De Petris ha anche fatto appello a tutti i gruppi di guardare al merito e ad abbandonare i tatticismi.

18.18 – Ap voterà la mozione del Pd
Bruno Mancuso, a nome di Alternativa Popolare, che il gruppo degli alfaniani voterà la mozione Pd e la mozione Augello solo per i punti 1 e 3, così come indicato dal governo. I partiti di maggioranza sono in pratica d’accordo su questa strategia. L’unico gruppo che “devia” è Mdp che voterà solo il proprio testo.

18.16 – Il gruppo delle Autonomie voterà solo la mozione Pd
Karl Zeller, a nome del gruppo Autonomie-Psi-Maie, ha annunciato il voto a favore della sola mozione Pd e alla mozione Augello limitatamente ai punti 1 e 3 (come indicato dal governo).

18.14 – Mdp voterà solo la sua mozione
La capogruppo Maria Cecilia Guerra ha annunciato il voto favorevole di Mdp alla sola mozione del proprio gruppo. Anche perché, aggiunge la Guerra, la “nostra e solo la nostra parla dell’indissolubilità tra la posizione del ministro Luca Lotti e dei vertici Consip”. Concentrare l’attenzione solo su questi ultimi “è limitativo e fuorviante”, aggiunge.

18.11 – La Lega Nord voterà solo la sua mozione

17.59 – Federazione della Libertà non voterà contro mozione Mdp
Il gruppo Federazione della Libertà – composto da eletti dell’allora Pdl – voterà a favore delle mozioni firmate da Andrea Augello (che d’altra parte è di quel gruppo) e da Loredana De Petris (Sinistra Italiana). Lascerà libertà di voto sulle altre mozioni, su cui comunque il voto “non sarà contrario” ha annunciato Gaetano Quagliariello a nome del gruppo. Federazione della Libertà conta 10 senatori.

17.57 – Iniziano le dichiarazioni di voto. Il primo è Quagliariello

17.56 – Il governo esprime parere favorevole a mozioni del Pd e di Augello
Il governo, oltre alla mozione Zanda del Pd, ha poi espresso parere favorevole alla mozione Augello ma con alcune modifiche. Il governo è favorevole al primo e terzo impegno (rinnovo dei vertici Consip e impegno a riferire in Parlamento sull’inchiesta amministrativa) e contrario al secondo (che riguarda la sospensione delle gare per le quali sono stati richiesti favori). Augello ha accettato di riformulare la mozione che ha quindi adesso parere favorevole.

17.56 – Il governo dichiara parere contrario su mozione Mdp
Parere negativo del governo alla mozione Mdp su Consip. Lo afferma in Aula il viceministro dell’Economia Enrico Morando. Parere contrario anche alle mozioni di Sinistra Italiana e Lega Nord. Il governo esprime invece parere favorevole alla mozione a prima firma del capogruppo Pd Luigi Zanda in quanto “prende esplicitamente e positivamente atto delle novità intervenute in questi giorni e impegna il governo a esercitare le proprie funzioni nella fase della decadenza del Cda perché decadenza c’è stata”.

17.40 – Augello presenta nuova versione della mozione
Il primo firmatario della prima mozione sul caso Consip, Andrea Augello (Idea) ha annunciato la riformulazione della sua mozione. Lo ha reso noto nell’Aula di Palazzo Madama la vicepresidente di turno Rosa Maria Di Giorgi. “La modifica – spiega Augello – è in realtà solo un aggiornamento. Attualizzo cioè la mozione al fatto che il 27 sia stata convocata l’Assemblea della Consip per il rinnovo dei vertici ora che due sono dimissionari”.

17.31 – Ripresa discussione su mozioni Consip
È ripreso nell’aula del Senato il dibattito sulle cinque mozioni presentate per il rinnovo dei vertici Consip. Il senatore Paolo Tosato sta ora illustrando la mozione della Lega, poi si procederà con il voto.

17.22 – Gotor: “Marcucci #staisereno. Verifica? Su questione morale”
“Caro @AndreaMarcucci mi dicono che chiedi verifica politica. Ma su legalità e questione morale quale verifica vuoi fare? #staisereno”. Lo scrive su twitter Miguel Gotor di Mdp replicando al senatore Pd, Andrea Marcucci, che ha sollecitato una verifica nella maggioranza dopo la vicenda delle mozioni sul caso Consip. E sempre via twitter, Marcucci ribatte a Gotor: “In questo modo non si sta in una maggioranza parlamentare ma magari puoi provare la candidatura nel #M5S”.

17.10 – Marcucci al Fatto.it: “Gentiloni faccia una verifica politica” (guarda il video)
“Credo che il presidente del Consiglio si farà carico di una verifica politica, credo ce ne sia bisogno. Se poi sparano a salve, fanno finta o sono ambigui è una questione da sottoporre a loro”. Lo dice il senatore del Pd Andrea Marcucci, al Fattoquotidiano.it, commentando le posizioni di Mdp al Senato in occasione delle mozioni sul caso Consip.

14.14 – Grasso: “Chi ha ragione tra Lotti e Marroni? Lascio la sentenza ai giudici”
“C’è stato un dibattito molto civile in Aula al Senato sulla necessità di andare a votare”. Lo ha detto ilpresidente del Senato Pietro Grasso in riferimento ai lavoti d’Aula sulla questione Consip intervenendo a Un giorno da Pecora. Ma il Pd non voleva? Chiedono i giornalisti. “Il Pd diceva che erano superati i motivi, in realtà c’erano, secondo chi lo sosteneva, i motivi per trattare l’argomento Consip e per dare anche suggerimenti al vertice della società”. E alla domanda se secondo lui avesse ragione Lotti o Marroni, Grasso evade la risposta. “Da ex magistrato – dice – lascio alla magistratura la sentenza. Non ne ho idea, non mi interessa e non me la voglio fare”.

13.48 – Marcucci (Pd): “Il livore di Gotor fa impressione”
“Il livore di Gotor contro Matteo Renzi e contro il Pd fa impressione. La cosa incredibile è che Mdp a parole sostenga il governo Gentiloni”. Così su twitter il senatore dem Andrea Marcucci commenta l’intervento in Aula sulle mozioni Consip dell’esponente di Articolo 1-Mdp.

13,30 – Di Maio: “Caso Consip è la tomba del Giglio magico”- (video)
“Al Senato della Repubblica gli scagnozzi di Renzi stanno tentando di far saltare le mozioni Consip che rischiano di essere la tomba del Giglio Magico”. Così il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, intervenendo alla presentazione del secondo Restitution day della Toscana indetto dal Movimento 5 Stelle. Di Maio poi, commentando il dibattito in corso al Senato sulla vicenda Consip, ha profetizzato che si tratta “dell’ultimo spettacolo del tramonto della seconda Repubblica”.

13,20 – Mozione Mdp: cenno a Lotti finisce in premessa
Nella nuova mozione presentata da Mdp a prima firma Miguel Gotor sul caso Consip, il riferimento al ritiro delle deleghe al ministro dello Sport Luca Lotti è spostato nella “premessa” del documento e non negli “impegni” chiesti al governo. Il presidente del Senato Grasso aveva dichiarato infatti “inammissibile” per estraneità di materia la parte della prima mozione in cui si chiedeva un impegno del governo in tal senso. E il riferimento a Lotti era stato cancellato anche nell’odg del M5S dichiarato “improponibile”.

13,00 – Seduta rinviata alle 16,30
Si è appena chiusa la seduta dell’Aula di Palazzo Madama che ha discusso le mozioni sulla Consip. I lavori d’Aula riprenderanno sempre sulle mozioni alle 16,30.

12,50 – Gotor: “Il caso Consip tracciato con il compasso e la squadra toscani”
“Per Mdp le vicende del ministro Lotti e quello dell’ad Marroni sono indissolubilmente intrecciate. Uno dei due ha mentito davanti all’autorità giudiziaria e continua a farlo all’opinione pubblica, e la loro contemporanea permanenza in carica costituisce un segnale di arroganza politica”. Lo afferma in Aula il senatore Mdp Miguel Gotor sottolineando che “il caso Consip ci dice del ruolo del familismo, della messa in pratica di una sorta di chilometro zero del potere, in cui si ha l’impressione che il perimetro del potere sia troppo spesso stato tracciato con la squadra e il compasso toscani”. 

12,42 – M5s: “Grave la scelta di Grasso su nostro odg”
Riteniamo gravissima la decisione del presidente Grasso di dichiarare improponibile il nostro ordine del giorno, in cui chiedevamo di revocare le deleghe al ministro Lotti, e la mozione di MdP”. Lo afferma il capogruppo MoVimento 5 Stelle Carlo Martelli. “Come si può pensare – aggiunge – di parlare della questione Consip, facendo finta che non esista la questione Lotti? Stanno letteralmente blindando un ministro indagato per favoreggiamento e rivelazione del segreto istruttorio, un ministro che in un Paese normale sarebbe già andato a casa da tempo di fronte ad accuse tanto gravi”

12,40 – Russo (Pd): “Non facciamo pressioni su indagine”
“Noi abbiamo a cuore due cose: la prima è che non venga costruita una strumentale polemica politica sul tema prima che la magistratura si pronunci. La seconda è che si eviti che qualunque pressione mai possa emergere dal dibattito parlamentare nei confronti di un procedimento giudiziario ancora in atto. La distinzione dei poteri è primarie, non si sfrutti il dibattito per una polemica che possa inquinare la decisione dei giudici”. lo afferma il Aula il senatore pd Francesco Russo nell’ambito della discussione sulle mozioni su Consip.

12,39 – Voto slitta al pomeriggio
È quasi certo ormai che il voto sulle mozioni che riguardano il caso Consip slittino al pomeriggio. L’Aula di Palazzo Madama risulta convocata fino alle 13 per riprendere poi alle 16.30. Così, siccome si è ancora in fase di illustrazioni delle mozioni, è molto probabile che tutto venga rinviato a questa seconda convocazione.

12,12 – Grasso: “Non cambio odg, si votino le mozioni”
“Preso atto del dibattito” in Aula “l’ordine del giorno prevede la discussione sulle mozioni sulla Consip”. Con queste parole il presidente del Senato Pietro Grasso sceglie, di fatto, di non rinviare il dibattito in Aula e, conseguentemente le votazioni, sulle mozioni presentate dai gruppi di maggioranza e opposizioni. Il capogruppo Pd Luigi Zanda aveva invitato Grasso a rinviare il dibattito a dopo il 27/6 ma senza avanzare alcun “petitum” formale per il quale sarebbe stato necessario il voto in Aula.

12,10 – Mdp: “Premier valuti stop a Lotti”
“Annuncio che stiamo presentando un testo 2 della mozione a firma Gotor che prende atto dell’improponibilità (della mozione precedente, ndr) ma che chiede che il presidente del Consiglio valuti la sospensione delle deleghe al ministro Lotti fino al chiarimento della vicenda che lo vede coinvolto perché Governo possa operare al riparo da ombre per portare avanti i suoi impegnativi obiettivi”. Lo ha detto la capogruppo Mdp in Senato Cecilia Guerra intervenendo in aula mentre è in corso la discussione sulle mozioni Consip.

12,05 – M5s: “Lotti è coinvolto nello scandalo”
“Lotti non solo ha avuto le dita nella marmellata, era dentro la tinozza dello scandalo Consip. E’ coinvolto. come si può pensare che non c’entri nulla?”. Così il capogruppo M5s al Senato, Carlo Martelli, intervenendo nell’Aula di Palazzo Madama. “Le mozioni – aggiunge – restano, si discutono e si votano. Stanno qui da marzo, non da oggi. Non siamo nel Parlamento degli anni ’30, quello del ventennio. Questo qui discute e poi vota”

12,00 – De Petris: “Caso paradossale, non tenere fuori le Camere”
Di che cosa si ha paura? Lo chiedo al presidente Zanda, di una discussione seria su questa vicenda e anche sul futuro della Consip e delle nomine. Nel Question Time fatto alla Camera Padoan si è ripetutamente prodotto nella difesa dell’ad Marroni producendo in queste lunghe settimane una situazione paradossale in cui un ad difeso dal ministro Padoan accusa il ministro dello Sport in carica di avergli svelato che vi era un’indagine in corso e il ministro come è ovvio dice che non è vero”. Lo afferma in Aula la presidente del gruppo Misto Loredana De Petris che attacca: “Noi in questa vicenda pirandelliana teniamo tutte e due gli attori difesi uno dal presidente del Consiglio e l’altro dal ministro Dell’Economia”.

11,40 – Romani: “Nessuna ragione per rinvio”
“Non vedo le ragioni per cui non votare le mozioni in esame. Anzi, credo che le decisioni che potrà prendere il Parlamento, in modo sereno, potranno essere un utile contributo all’assemblea totalitaria della Consip del 27”. Così il capogruppo di Forza Italia a Palazzo madama, Paolo Romani, ha replicato alla richiesta di Luigi Zanda di rinviare il voto d’Aula sulle mozioni. “Vorrei ricordare a tutti che proprio grazie al Parlamento – aggiunge Romani – Padoan ha cambiato idea, arrivando a far dare le dimissioni ai due componenti del Cda. Quindi sarebbe conto la logica chiedere al Parlamento di non discutere, in modo pacato, di questo argomento”.

11,35 – Quagliarello: “Votare mozioni”
“La richiesta del Pd di un rinvio, che sarebbe probabilmente sine die, sembrerebbe la volontà di azzerare un dibattito che invece anche grazie all’iniziativa parlamentare ha fatto passi avanti. Il modo migliore per concludere questa vicenda sia arrivare a votare queste mozioni”. Lo afferma in Aula il senatore “Idea” Gaetano Quagliariello.

11,30 – Grasso: “Inammissibile parte della mozione Mdp”
Il presidente del Senato Grasso ha dichiarato inammissibile la parte della mozione presentata dal Mdp in cui si parla della necessità per Luca Lotti di rimettere le deleghe da ministro. Nella parte della mozione dichiarata inammissibile si impegna il governo “a valutare la sospensione delle deleghe al Ministro per lo sport Luca Lotti fino al chiarimento della vicenda che lo vede coinvolto, perché il Governo deve potere operare al riparo da ombre su comportamenti non irreprensibili dei suoi componenti, per portare avanti i suoi impegnativi obiettivi

11,20 – Zanda: “No richieste formali ma invito a riflettere”
“Penso che tutti i presentatori delle mozioni dovrebbero prendere atto di quanto dichiarato da Padoan, ma non ho un ulteriore petitum da presentare”. Così il presidente dei senatori del Pd Luigi Zanda spiega nell’Aula di Palazzo Madama di aver voluto invitare i presentatori delle mozioni sul caso Consip ad “un’ulteriore riflessione”, ma senza presentare una richiesta formale di rinvio del voto su queste. Su tale richiesta infatti ci sarebbe dovuto essere un voto dell’Assemblea.

11,10 – Grasso legge lettera di Padoan 
“A tal riguardo appare opportuno informarla che l’amministrazione delegato” Consip “ha informato questo dicastero che il 17 giugno sono state presentate le dimissioni da parte di due consiglieri e che con le dimissioni della maggioranza dei consiglieri si intende dimissionario l’intero cda”. Lo scrive il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan in una lettera indirizzata al presidente del Senato Pietro Grasso in merito alle mozioni su Consip.