Quattordici indagati, compresi tre deputati nazionali, due consiglieri regionali e un cancelliere del tribunale, per i quale adesso viene chiesto il processo. Arriva ad un primo giro di boa l’inchiesta sulle firme false che sarebbero state presentate dal Movimento 5 Stelle alle amministrative di Palermo del 2012. La procura del capoluogo siciliano ha infatti chiesto il rinvio a giudizio per tutte le persone coinvolte nell’indagine. I reati contestati, a vario titolo, dal procuratore aggiunto Dino Petralia e dal sostituto Claudia Ferrari sono il falso e la violazione di una legge regionale del 1960 che recepisce il Testo unico nazionale in materia elettorale.

Tra gli indagati ci sono i deputati nazionali Riccardo Nuti, che nel 2012 era candidato sindaco, e poi Giulia Di Vita e Claudia Mannino:  i tre parlamentari sono stati sospesi de imperio dal comitato dei probiviri del Movimento, dopo che si sono avvalsi della facoltà di non rispondere davanti ai pm, rifiutando anche di lasciare agli inquirenti un campione della propria calligrafia

Secondo la procura Nuti e un gruppo ristretto di attivisti come Di Vita, Mannino e Samanta Busalacchi, dopo essersi accorti che per un errore di compilazione le firme raccolte per le amministrative erano inutilizzabili, avrebbero deciso di ricopiare le sottoscrizioni raccolte, correggendo il vizio di forma. La falsificazione materiale delle firme viene contestata a 11 indagati: si tratta di Busalacchi, Di Vita, Mannino, e gli attivisti Alice Pantaleone, Stefano Paradiso, Riccardo Ricciardi, Pietro Salvino, Tony Ferrara, Giuseppe Ippolito e i deputati regionali Giorgio Ciaccio e Claudia La Rocca. Per Nuti, invece, non c’è la prova della commissione del falso materiale: all’ex capogruppo del M5s alla Camera, si imputa, invece, l’avere fatto uso delle sottoscrizioni ricopiate visto che era lui il candidato a sindaco dei pentastellati a Palermo nel 2012.

Il tredicesimo indagato è il cancelliere del tribunale Giovanni Scarpello: per lui l’accusa è di avere dichiarato il falso affermando che erano state apposte in sua presenza firme che invece gli sarebbero state consegnate dai 5 Stelle. Reato di cui risponde in concorso con Francesco Menallo, avvocato ed ex attivista grillino che consegnò materialmente le firme al pubblico ufficiale per l’autenticazione. L’indagine della procura si è avvalsa della collaborazione della Digos. Gli investigatori hanno fatto un controllo a campione sui vari fogli dei moduli con le sottoscrizioni convocando quattrocento persone che nel 2012 avevano firmato per sostenere la lista dei 5 Stelle: la stragrande maggioranza non ha riconosciuto la propria grafia. 

Un contributo importante alla ricostruzione dell’inchiesta è arrivato anche dalle testimonianze dei consiglieri regionali La Rocca e Ciaccio che hanno raccontato i momenti successivi al 4 aprile 2012. È quella la notte in cui al meet up di via Sampolo vennero ricopiate materialmente le firme raccolte nei moduli che però contenevano un errore nel luogo di nascita di un candidato al consiglio comunale. A sollevare la vicenda una serie di servizi delle Iene, la trasmissione di Mediaset che ha intervistato il professor Vincenzo Pintagro, attivista della prima ora e accusatore dei pentastellati palermitani. È stato Pintagro il primo a raccontare di essere stato testimone della ricopiatura delle firme. Ricostruzione poi confermata da La Rocca e Ciaccio, mentre Nuti, Di Vita e Mannino hanno tenuto un atteggiamento di chiusura nei confronti dei pm. Dopo essersi appellati alla facoltà di non rispondere i tre si sono fatti interrogare dai pm soltanto il 29 marzo scorso, depositando ai pm una memoria difensiva da 34 pagine in cui sottolineano la loro innocenza. Una condotta – quella del gruppo di Nuti- che è chiaramente opposta rispetto a quella tenuta da La Rocca e Ciaccio, i quali hanno invece ammesso la copiatura delle firme. Con il risultato che le due opposte posizioni hanno di fatto spaccato il Movimento 5 Stelle a Palermo.

Basti pensare che Ugo Forello, il candidato sindaco dei 5 Stelle alle amministrative palermitane, è finito indagato per alcune settimane dalla procura per “induzione a rendere dichiarazioni mendaci”, dopo un esposto diffuso dagli stessi parlamentari nazionali pentastellati. Secondo Nuti, Mannino e Di Vita, autori della denuncia, Forello avrebbe imbeccato i “pentiti” dell’indagine, come la parlamentare regionale La Rocca, vantando anche rapporti con i pm titolare dell’inchiesta sulle firme false. L’indagine ai danni dell’avvocato pentastellato, però, è stata rapidamente archiviata dalla procura palermitana. Quella sulle firme false, invece, procede spedita verso un possibile processo.

“I parlamentari coinvolti nella vicenda sono già stati sospesi in autunno, quindi il Movimento 5 Stelle anche in questi casi arriva prima dei rinvii a giudizio. C’è un codice etico che prevede tutto quello che riguarda le condanne in primo grado. Da noi non si aspetta il terzo grado di giudizio. C’è il rinvio a giudizio e la condanna in primo grado che preclude la possibilità di restare nel Movimento”, ha commentato il vicepresidente della Camera M5s, Luigi Di Maio.