Ecco una poesia del grande poeta e rivoluzionario Eugène Pottier (1816-1887), autore tra l’altro de ‘L’internazionale‘, mirabilmente tradotta e riadattata da Salvo Lo Galbo, e da me musicata in tempi non sospetti. Le prime strofe in particolare sono profetiche  in modo impressionante…

“Una pioggia di stelle cadenti su quest’orbe un bel dì s’abbattè.
Delle nostre classi dirigenti non ne rimase in piedi alcunché.
Condottieri dell’umano strazio, re, statisti, estorsori del sì,
sono andati a diriger lo spazio
E la terra gira anche così. E la terra gira anche così…”