Meno di 500 euro all’anno. E’ il reddito netto dei “nuovi precari” pagati a voucher. La cifra choc arriva ancora una volta dall’Inps e conferma in modo definitivo come i buoni da 10 euro che in teoria dovrebbero servire per remunerare solo prestazioni occasionali siano diventati in realtà un “girone infernale” che serve soprattutto a garantire alle imprese lavoro a basso costo e non fa affatto emergere il nero. Dal 2008 al 2016 il numero di italiani pagati in questo modo è cresciuto costantemente, rileva l’istituto nel report sul lavoro accessorio aggiornato al primo semestre dell’anno: dai 216mila del 2011 agli 1,01 milioni del 2014 fino agli 1,4 milioni dello scorso anno, quando i voucher venduti sono stati 115 milioni. Ma il numero medio di voucher riscossi dal singolo lavoratore, che sui 10 euro totali se ne mette in tasca 7,5, “è rimasto sostanzialmente invariato: circa 60 l’anno dal 2012 in avanti”. Un dato che fa pensare che in molti casi dietro un voucher attivato dal datore di lavoro per risultare in regola ci siano molte ore di “nero”. In ogni caso, il risultato per i lavoratori è un guadagno medio da fame. A cui hanno dovuto piegarsi sempre più persone: su 1.380.030 italiani che hanno svolto attività con i buoni nel 2015, il numero di “nuovi” lavoratori è stato pari a 809.341, il 59%. Tutti loro, va ricordato, vengono censiti tra gli occupati, visto che le convenzioni internazionali stabiliscono che basti un’ora di lavoro in una settimana per uscire dalle fila della disoccupazione.

lavoratoriIl ricorso ai voucher, emerge poi dalla nuova analisi Inps, è concentrato nel Nord del paese: il Nord-est con 127,7 milioni di voucher venduti incide per il 36,8%, il Nord-ovest con 102,6 milioni vale il 29,5% La regione nella quale si registra il maggior boom è la Lombardia, con 60,7 milioni di buoni lavoro venduti. Seguono il Veneto e l’Emilia-Romagna. La tipologia di attività per la quale è stato complessivamente acquistato il maggior numero di voucher è il commercio (16,8%), anche se la parte del leone la fanno le “altre attività” (36,7%), che comprendono “altri settori produttivi”, “attività specifiche d’impresa”, “maneggi e scuderie”, “consegna porta a porta”, altre attività residuali o non codificate: è il “riflesso della storia del lavoro accessorio, all’origine destinato ad ambiti oggettivi di impiego circoscritti”, scrivono gli analisti, “negli anni progressivamente ampliati, fino alla riforma contenuta nella legge n. 92 del 2012 (riforma del mercato del lavoro) che permette di fatto l’utilizzo di lavoro accessorio per qualsiasi tipologia di attività”.

Un’estensione che è andata di pari passo con l’aumento della vendita di voucher: da agosto 2008 (inizio della sperimentazione dei buoni per pagare gli addetti alle vendemmie) al 30 giugno 2016 ne sono stati venduti 347,2 milioni. Solo nei primi sei mesi del 2016, sottolinea l’Inps, si è registrato un aumento del 40% rispetto allo stesso periodo del 2015. Nel frattempo anche i luoghi di distribuzione si sono moltiplicati: inizialmente erano “acquistabili presso le sedi Inps ovvero tramite la procedura telematica, successivamente ampliatasi grazie alle convenzioni stipulate con l’associazione dei tabaccai prima e con le Banche Popolari poi”, in seguito è arrivato il via libera alla “possibilità di acquistare voucher direttamente presso tutti gli uffici postali“. Attualmente “l’acquisto dei voucher presso i tabaccai è di gran lunga prevalente”.

voucherNel frattempo l’età media dei lavoratori a voucher è andata sempre decrescendo, così come il differenziale di età tra i sessi. La percentuale di donne è progressivamente aumentata ed è attualmente superiore al 50%. La quota di lavoratori di cittadinanza extracomunitaria nel 2015 è stata pari all’8,6%: non ci sono differenze significative nel numero medio di voucher riscossi rispetto ai cittadini italiani.