Sarà pur vero che una telefonata allunga la vita. Ma non leggere con attenzione un sms del proprio gestore fa spendere un mucchio di quattrini in più ai clienti e arricchire i big telefonici. Ormai, infatti, è diventata una pratica diffusa per gli operatori mobili di attivare tramite messaggini servizi o piani a pagamento non esplicitamente richiesti, giustificandoli come aggiornamento delle condizioni di contratto. Proprio come è successo nell’estate 2014 con i servizi di reperibilità, che da gratuiti sono diventati a pagamento per milioni di italiani. E ora è arrivato il servizio Tim Prime.

“Cambiano le condizioni economiche del tuo piano base: a partire dal 10 aprile, con 49 centesimi in più a settimana avrai chiamate e Sms illimitati verso un numero Tim. Inoltre potrai richiedere gratis i vantaggi esclusivi: ogni settimana biglietti cinema 2×1, assistenza diretta di un operatore e possibilità di vincere smartphone con Ricarica+. Puoi recedere senza penali o passare ad altro operatore entro il 9 aprile”. Questo il messaggio che sta arrivando sui cellulari di milioni di clienti Tim che hanno una sim prepagata. Un servizio che tuttavia, se non verrà disattivato, li porterà a pagare quasi 2 euro in più al mese.

Sembrerebbe, infatti, una modifica delle condizioni di contratto, davanti alla quale il consumatore può solo decidere se accettare di pagare 1,9 euro in più ogni mese oppure recedere perdendo quindi il proprio piano tariffario. Ma non è così. Si tratta di un servizio opzionale aggiuntivo, a pagamento, che Tim sta attivando su tutte le utenze interessate dalla “modifica”, in assenza di qualsiasi autorizzazione da parte del cliente.

“Il servizio in sé forse potrebbe anche interessare. Ma l’utente deve richiederlo, non vederselo ‘appioppato’ sul proprio credito telefonico”, commenta a ilfattoquotidiano.it Emmanuela Bertucci, legale dell’Aduc che ha denunciato questa modifica contrattuale come pratica commerciale scorretta all’Autorità Garante della concorrenza e del mercato chiedendo l’apertura di un procedimento contro Tim. Come già avvenuto nei confronti di Vodafone, che già nel settembre 2015 ha fatto da apripista con Exclusive: un servizio a pagamento da 1,9 euro al mese, attivato, sempre secondo l’associazione dei consumatori, “illegittimamente e senza alcun consenso da parte dei clienti”. Un ottimo investimento a danno dei clienti, visto che sono stati pochissimi i casi di disdetta. Per mancanza di comprensione, disattenzione, pigrizia o perché magari non hanno acceso per mesi il telefono nel quale era inserita la sim.

I conti sono presto fatti. “Vodafone ci sta guadagnando più di 34 milioni di euro al mese, almeno finché – spiega Bertucci – non si sarà pronunciata l’Agcom”. Nella memoria fornita da Vodafone al garante, il big di telefonia ha infatti spiegato che gli sms con il messaggio di attivazione sono arrivati a 18/19 milioni di utenti che, moltiplicato per i circa 2 euro al mese, genera un bottino da capogiro. E adesso la storia si ripete. Perchè quando un gestore di telefonia mobile percorre con successo una strada, ovviamente anche gli altri decidono di intraprendere la stessa via, nella speranza possa essere ugualmente remunerativa.

Paura da parte di Tim e Vodafone nell’eventuale sanzione da parte dell’Antitrust? “Certamente no, sarà irrisoria rispetto agli utili derivanti da questa operazione”, risponde il legale dell’Aduc. La scorsa settimana è arrivata la multa più grande che l’Autorità garante delle comunicazioni (Agcom) abbia fatto a un operatore di telefonia. la stessa Tim, chiamata a sborsare appena 2 milioni di euro (il massimo applicabile è 2,5 milioni) per aver fatto migrare a forza dal maggio 2015 centinaia di migliaia di utenti sulla propria offerta flat, senza averli informati a sufficienza e danneggiandoli economicamente. Forzatura che si aggiunge agli altri cambiamenti messi in atto da Tim negli ultimi mesi: dal pagamento di 2 euro per chi vuole ricevere la fattura cartacea al ritorno dello scatto alla risposta con il raddoppio dei costi delle chiamate fisse per quanti non hanno aderito alle offerte tutto incluso.

Per i clienti Tim che non fossero interessati al servizio Prime, meglio quindi ricordare che per disattivarlo c’è tempo fino al 9 aprile per telefonare al numero 409162, seguendo le istruzioni della voce guida oppure andando su www.tim.it/Prime.

E per la serie “aumenti mascherati” arriva anche l’ultima comunicazione in ordine temporale da parte di Vodafone, che in questi giorni sta inviando messaggini ai propri clienti storici, quelli cioè con dei piani tariffari datati, che si erano salvati dalla “tredicesima mensilità” che le compagnie telefoniche si sono ritagliate con le offerte ricaricabili non più a 30 giorni ma a 28 giorni. Dal 13 marzo anche questi clienti dovranno effettuare il rinnovo mensile della propria offerta ogni 4 settimane. Caso che, esploso la scorsa estate fra le proteste delle associazioni dei consumatori, ha subito portato un risultato concreto: le compagnie telefoniche stanno guadagnando il 7% in più, come denunciato dall’Agcom che ha inviato una segnalazione all’Antitrust che, tuttavia, deve ancora pronunciarsi.