Apple investe in Europa. Anzi, a Napoli. Nel capoluogo della Campania l’azienda californiana costruirà il primo Centro di sviluppo app del vecchio continente, per dare agli studenti competenze pratiche e formazione sullo sviluppo di applicazioni per iOS. Per Tim Cook, Ceo della società di Cupertino, “l’Europa è la patria di alcuni degli sviluppatori più creativi al mondo” quindi, ha aggiunto, “siamo entusiasti di aiutare la prossima generazione di imprenditori in Italia ad acquisire le competenze necessarie per avere successo”. Matteo Renzi ha annunciato che Cook il 22 gennaio sarà in Italia, ricordando che il centro di Apple a Napoli sarà “una bella realtà di innovazione con circa 600 persone, una sperimentazione veramente intrigante”.

Il Centro sarà situato in un istituto partner a Napoli, “sosterrà gli insegnanti – spiega una nota ufficiale – fornirà un indirizzo specialistico preparando migliaia di futuri sviluppatori a far parte della fiorente comunità di sviluppatori Apple“. Inoltre, la società “lavorerà con partner in tutta Italia che forniscono formazione per sviluppatori per completare questo curriculum e creare ulteriori opportunità per gli studenti. Apple prevede di ampliare questo programma estendendolo ad altri paesi a livello mondiale”. Cook ha inoltre aggiunto che “il fenomenale successo dell’App Store è una delle forze trainanti dietro gli oltre 1,4 milioni di posti di lavoro che Apple ha creato in Europa e presenta opportunità illimitate per le persone di tutte le età e aziende di ogni dimensione in tutto il continente“.

Apple ora “supporta oltre 1,4 milioni di posti di lavoro, tra cui 1,2 milioni attribuibili alla comunità di creatori di app, ingegneri software e imprenditori che creano app per iOS, così come lavori non legati alla tecnologia sostenuti direttamente e indirettamente dall’app economy”. Inoltre, la crescita di App Store ha aiutato gli sviluppatori in Europa a guadagnare oltre 10,2 miliardi di euro dalla vendita delle loro app in tutto il mondo.