L’arrivo di Luciano Spalletti ha subito galvanizzato l’ambiente romanista. Il nuovo tecnico della Roma, sbarcato ieri all’aeroporto di Fiumicino, sembra avere già le idee chiare su come far giocare la sua “nuova” squadra, puntando soprattutto sul modulo 4-2-3-1 e non solo sul 4-3-3.

Dopo l’esonero di Rudi Garcia, Spalletti e il dirigente sportivo giallorosso Walter Sabatini si sono messi al lavoro per le prossime mosse di mercato. L’allenatore che guidò la Roma già tra il 2005 e il 2009, facendo vedere un bel calcio molto apprezzato dalla tifoseria, dopo il primo allenamento visibilmente entusiasta ai microfoni di Roma Channel ha spiegato di aver “trovato una situazione molto migliorata a Trigoria. È stata una sensazione bellissima, qui ho vissuto anni splendidi e preziosi. Tornare ad allenare qui mi ha fatto emozionare”. E domenica la vittoria nella partita casalinga contro l’Hellas Verona, ultima in classifica, è “fondamentale” per iniziare con il piede giusto. Non è mancato anche un riferimento ad un necessario “forte supporto” dei tifosi. “Il nostro pubblico – ha detto Spalletti – deve essere presente, al nostro fianco diventa una spinta fondamentale. Tutti insieme a noi, perché non possiamo fare a meno di loro”.