Cinquecento pagine di informativa dei carabinieri, contenenti anche oltre un milione di mail, girate al Coni nell’estate 2014. La più grande inchiesta mai svolta in Italia dalle strutture sportive antidoping inizia così, da un ramo delle indagine “Olimpia” della procura di Bolzano sulla positività di Alex Schwazer. Si chiude a pochi mesi dalle Olimpiadi di Rio un lavoro di quasi un anno e mezzo da parte della procura antidoping Coni-Nado, che ha deferito 26 atleti azzurri chiedendo per tutti 2 anni di squalifica. Tanti i big, ex o ancora in attività: da Giuseppe Gibilisco, campione del mondo di salto con l’asta nel 2003, ad Andrew Howe, argento iridato nel 2005, fino ai triplisti Fabrizio Donato (bronzo olimpico a Londra) e Daniele Greco (campione europeo indoor in carica). Passando per i maratoneti Ruggero Pertile (quarto ai mondiali di Pechino a 41 anni) e Daniele Meucci, campione europeo a Zurigo nel 2014, i velocisti Simone Collio e Roberto Donati, argento e primatisti italiani con la staffetta 4×100 a Barcellona 2010. (In fondo la lista completa di atleti con proposta di squalifica e di archiviazione)

Sono tutti accusati di aver eluso i controlli antidoping tra il 2011 e il 2013. La procura guidata da Tammaro Maiello è certa di avere trovato riscontri oggettivi riguardo la posizione dei 26 azzurri, che ora verranno giudicati dal Tribunale nazionale antidoping. Si spiega così la grande discrepanza tra la lista di 69 atleti contenuta nell’informativa dei carabinieri e l’elenco dei 26 per i quali è stata formulata la richiesta di squalifica: per coloro i quali gli investigatori nutrivano incertezze, tra cui Libania Grenot e Antonietta di Martino, è stata richiesta l’archiviazione. Al termine delle verifiche e dei riscontri alle dichiarazioni rese dagli atleti nel corso delle audizioni e alla documentazione prodotta, gli investigatori del Coni si sono convinti che la mancata reperibilità dei deferiti non era frutto di malcostume o di atteggiamenti erronei, ma una vera e propria elusione dei controlli (art. 2.3 del protocollo Wada).

Mentre per tutti gli indagati è caduta l’accusa riguardante la mancata reperibilità (art. 2.4) poiché le richieste di squalifica possono partire dopo tre “cartellini gialli” nell’arco di dodici mesi. Cosa impossibile visto che nel periodo di riferimento nessuno ha mai contestato nulla, come a più riprese aveva sottolineato l’indagine penale condotta dai Nas-Ros di Trento su ordine della procura bolzanina che ha dato il via all’inchiesta sportiva. L’impianto accusatorio, se confermato dalle prime due sezioni del Tribunale nazionale antidoping presiedute da Carlo Polidori e Luigi Fumagalli, provocherà un terremoto in vista di Rio 2016. Anche perché colpisce alcune delle poche (mezze) speranze dell’atletica italiana, uscita con le ossa rotte dalla spedizione mondiale a Pechino.

La prima azzurra accusata dalla procura a intervenire è la martellista Silvia Salis: “Quella di cui vengo accusata non è una vicenda di doping, ma di problemi di ricezione della reperibilità da parte del sistema Whereabout, con il quale il Coni monitora lo spostamento di ogni atleta – afferma all’Ansa – Chi mi conosce sa che in 15 anni di carriera mi son sempre battuta contro il doping. L’unica cosa che mi sento di dire è che il sistema aveva falle tecniche”. “Ho totale fiducia nell’operato della Procura Antidoping e auspico un iter rapido”, ha commentato invece il presidente della Fidal, Alfio Giomi. Il numero uno dell’atletica italiana ha poi ricordato che “ il Consiglio federale attualmente in carica ha stabilito il 28 febbraio dello scorso anno che gli atleti, al secondo mancato controllo e/o mancata comunicazione, perdano ogni forma di assistenza da parte della Federazione”. Prima però, secondo la Procura del Coni, qualcuno ne ha approfittato.

La lista dei 26 per i quali sono stati richiesti 2 anni di squalifica
Roberto Bertolini, Migidio Bourifa, Filippo Campioli, Simone Collio, Roberto Donati, Fabrizio Donato, Giovanni Faloci, Matteo Galvan, Giuseppe Gibilisco, Daniele Greco, Andrew Howe, Anna Incerti, Andrea Lalli, Stefano La Rosa, Claudio Licciardello, Daniele Meucci, Christian Obrist, Ruggero Pertile, Jacques Riparelli, Silvia Salis, Fabrizio Schembri, Daniele Secci, Kaddour Slimani, Gianluca Tamberi, Marco Francesco Vistalli e Silvia Weissteiner.

L’elenco dei 39 atleti per i quali è stata chiesta archiviazione
Zhara Bani, Giordano Benedetti, Laura Bordignon, Daniele Caimmi, Fabio Cerutti, Rosaria Console, Merihun Crespi, Elisa Cusma, Marco De Gasperi, Marco De Luca, Elisa Desco, Alberico Di Cecco, Emanuele Di Gregorio, Antonietta Di Martino, Francesca Doveri, Yuri Floriani, Ludovica Fogliani, William Frullani, Anna Giordano Bruno, Leonardo Gottardo, Libania Grenot, Raffaella Lamera, Simona La Mantia, Marco Lorenzi, Patrick Nasti, Jacques Nkouloukidi, Lorenzo Povegliano, Daniela Reina, Lukas Rifesser, Elena Romagnolo, Chiara Rosa, Giorgio Rubino, Elena Scarpellini, Alex Schwazer, Claudio Michel Stecchi, Valeria Straneo, Michele Tricca, Michael Tumi, Matteo Villan.

twitter: @https://twitter.com/andtundo