“A questo gioco al massacro di una persona di 80 anni non pregiudicato, mai inquisito, per alcunché, che mi risulti, io non ci sto”. Beppe Grillo, in un post sul suo blog, difende Gino Paoliindagato perché avrebbe portato in Svizzera due milioni di euro evadendone 800 mila. Non solo: l’avvocato del cantautore, Andrea Vernazza, ha riferito che il leader del Movimento ha chiamato il cantante “per scusarsi con lui dopo gli attacchi M5s“. Ma la capogruppo a Montecitorio Fabiana Dadone non ci crede: “Saranno voci di corridoio. Se lo ha detto il suo legale, se ne assumerà la responsabilità”. In serata, però, il post di Grillo scompare dalla home del blog e dai link accessibili dalla colonna sulla destra. E’ possibile leggerlo solo tramite apposita ricerca sul blog. Nel corso della giornata, infatti, diversi attivisti avevano attaccato il comico per la difesa d’ufficio del cantautore genovese, accusandolo di usare due pesi e due misure.

Gli attacchi del Movimento 5 Stelle – La spaccatura tra Grillo e gli esponenti M5s nasce da una nota del gruppo alla Camera, che il 19 febbraio, a seguito della notizia dell’indagine per evasione fiscale, aveva chiesto a Paoli di “valutare seriamente le dimissioni dalla sua carica” di presidente della Siae. Un atto doveroso, spiegavano, da compiere “in primo luogo per rispetto verso gli iscritti alla Siae: mentre la magistratura indaga su Paoli per presunto trasporto all’estero di denaro al fine di eludere il fisco italiano, migliaia di artisti non ricevono i compensi che gli spetterebbero, perché trattenuti dalla Siae, che li utilizza anche per compiere operazioni finanziarie”. Nel frattempo, Paoli – che sarà interrogato dai magistrati il 2 marzo – si è autosospeso dall’incarico.

Ma sul suo blog Grillo precisa: “Io non ho ‘mosso i miei’ contro Gino Paoli“. A dimostrarlo anche l’insistenza con cui anche oggi il Movimento 5 Stelle ribadisce la necessità delle dimissioni del cantautore dalla poltrona Siae. “In un Paese normale Paoli si sarebbe dimesso da un pezzo. Chiaro che non cambiamo posizione”, aggiunge Dadone. Chiarisce ulteriormente la posizione del Movimento il deputato Sergio Battelli: “Il discorso è questo: se sei indagato e rivesti una carica pubblica, tra l’altro in una società come la Siae che a nostro avviso non lavora affatto come dovrebbe né tanto meno tutela gli artisti, non devi restare lì. La nostra posizione è questa e non cambia. In un Paese normale Paoli si sarebbe dimesso da un pezzo ed è scandaloso non l’abbia ancora fatto”.

E le posizioni dei 5 Stelle, assicurano i grillini, vengono decise dal gruppo, senza ingerenze. “Beppe non ci ha chiamato ieri, come qualcuno mentendo ha scritto – assicura Battelli – e se invece ha chiamato Paoli è perché sono amici. Ma che si sia scusato per quanto fatto dal M5S questo lo escludo, mi sembra assurdo. Gli avrà chiesto piuttosto in che guaio si è cacciato, cosa ha combinato. Beppe su queste cose la pensa come noi e non cambia a seconda di chi ha davanti a sé”.

La difesa di Beppe Grillo: “Media sciacalli. Articoli costruiti su delle ipotesi” – Dichiarazioni a cui poco dopo è seguita la pubblicazione del post di Grillo in difesa di Gino Paoli: “I cittadini sono diventati vittime sacrificali, mostri da sbattere in prima pagina senza che possano difendersi in alcun modo”. Il leader M5s attacca gli “sciacalli dell’informazione”, pur premettendo che “Gino Paoli è mio amico da molti anni e che spesso le nostre famiglie si incontrano vivendo nella stessa zona di Genova. Quindi potrei essere considerato poco obiettivo”.

Il comico si scaglia contro Il Secolo XIX che con “un articolo costruito su delle ipotesi che si para il culo con l’uso dei condizionali“, “ha pubblicato un titolo di condanna che non ammette replica: ‘Maxi evasione in Svizzera, blitz della Finanza a casa di Gino Paoli’ dal quale un lettore distratto evince che Paoli avrebbe evaso senza alcun dubbio cifre persino superiori al Costituzionalista di Arcore condannato per truffa fiscale. Nell’articolo si legge ‘Le Fiamme gialle stanno indagando su una presunta maxi evasione in Svizzeraì. Quindi – evince il leader M5S – per ora ‘l’evasione è presunta‘”.

Poi ricostruisce la vicenda che ha coinvolto il cantautore ligure: “A metterlo nei guai – scrive – sarebbero alcune intercettazioni di conversazioni avvenute con il suo commercialista‘. Quindi ‘sarebbero’, che in italiano – osserva Grillo – vuol dire forse che sì, forse che no“. Quindi, secondo il leader M5s, “l’immagine che si vuole trasferire è quella di Paoli ‘spallone’ con un sacco pieno di euro che valica le Alpi, magari di notte con la luna piena”. E se sul cantautore il Movimento e il suo fondatore si spaccano, nei commenti al post alcuni lettori, pur riconoscendo che “Paoli è solo indagato e non condannato”, sollevano una domanda: “Quante volte anche noi abbiamo sbattuto il mostro in prima pagina al primo avviso di garanzia? Un Movimento libertario come M5S dovrebbe iniziare a porsi questi problemi”.