Si è concluso l’ultimo viaggio in mare della Costa Concordia. La nave ha trascorso la notte di fronte a Genova. E questa mattina, dopo che gli otto rimorchiatori dello scalo ligure lo hanno preso in consegna, il relitto è entrato nel porto di Prà-Voltri, dove verrà smantellato. L’ormeggio per la messa in sicurezza alla banchina della diga Foranea è iniziato intorno alle 14 e 30 e terminato alle 14 e 43. La Costa Crociere ha firmato il passaggio di proprietà della nave, che è stata presa in consegna da Saipem/San Giorgio del Porto che si occuperà della demolizione. Il forte vento soffiato sul capoluogo ligure ha fatto temere ritardi nelle operazioni, che invece si sono svolte regolarmente (guarda).

A Genova è arrivato anche il presidente del Consiglio Matteo Renzi. “Quello di oggi non può essere certo definito un giorno a lieto fine. Credo che nessuno possa festeggiare o essere felice perché andiamo a chiudere una vicenda che ha portato alla morte di 33 persone”, ha commentato il premier. Soddisfazione ma anche polemiche da parte del capo della Protezione civile Franco Gabrielli: “In due anni e mezzo, contro di me infamità”. Nella tragedia della Costa Concordia morirono 32 passeggeri (durante i soccorsi perse la vita anche un sommozzatore). L’incidente fu provocato dalla manovra compiuta dal comandante Schettino – il cosiddetto inchino – davanti all’isola del Giglio, la sera del 13 gennaio 2012.

CRONACA ORA PER ORA

17.58 – Ammiraglio Tortora: “Nessun sversamento”
“Il mare è stato morbido e benevolo con la Concordia. E la nave per altro non ha sversato nulla sul mare, nonostante gli annunci catastrofici di qualcuno. L’unico momento difficile è stato il forte temporale dell’altra notte che mi ha svegliato perché la barca ha iniziato a muoversi diversamente, ma tutto è andato bene”. Lo ha detto l’ammiraglio Stefano Tortora. 

17.18 – Proprietà Concordia passa a gruppo Saipem/San Giorgio del Porto
Costa Crociere ha informato che è stato firmato l’atto notarile che sancisce il trasferimento della proprietà della Concordia da Costa Crociere al raggruppamento Saipem/San Giorgio del Porto. L’atto prevede che la vendita sia effettuata allo scopo specifico della demolizione e del riciclo secondo gli accordi e le prescrizioni concordate con le Autorità e principalmente con il Ministero dell’Ambiente.

17.16 – Sloane: “Grande impresa”
Una “grande sfida” e una “squadra eccezionale”. Lo ha detto il salvage master Nick Sloane durante la conferenza stampa al termine dell’ormeggio del relitto. “Tutto è stato svolto alla perfezione”, ha aggiunto.  

17.12 – Capo piloti di Genova: “Dispiace vederla così”
E’ andato “tutto bene” anche se il vento stamattina ha rallentato le operazioni di ingresso della Concordia nel porto di Genova. Lo ha detto Giovanni Lettich, il capo dei piloti di Genova. “L’avevo accompagnata fuori (il riferimento è al varo della nave che avvenne proprio nel capoluogo ligure, ndr) e oggi l’ho riportata dentro ed è un dispiacere vederla in queste condizioni”, ha sottolineato Lettich.

16.43 – Concluse le operazioni di ormeggio
I tecnici stanno posizionando le panne antinquinamento di profondità attorno al relitto, concludendo così tutte le operazioni necessarie alla permanenza della Costa Concordia lungo la Foranea del porto di Voltri-Prà.

14.30 – Iniziato ormeggio
Gli ormeggiatori hanno messo a terra i cavi e stanno provvedendo a collegarli alle diciotto bitte rinforzate presenti in banchina. L’operazione, una volta terminata, rappresenterà la fine della fase di trasferimento del relitto.

13.15 – Renzi arrivato a Genova
Il presidente del Consiglio Matteo Renzi è arrivato al porto di Prà-Voltri via mare. Il premier era bordo di un’imbarcazione della Capitaneria di porto. 

12.39 – Gabrielli: “Missione compiuta”
“Anche la scaramanzia e la cautela cui mi sono attenuto fino adesso, devono lasciare il passo alla constatazione che lo sforzo cominciato due anni fa ha avuto il suo giusto compimento”, queste le parole del capo della Protezione civile durante l’attesa per l’attracco della nave a Prà-Voltri.

12.31 – Relitto in bacino
La Costa Concordia è entrata completamente in bacino, accolto dall’urlo della sirena della motonave Virginia che ha così salutato la nave a nome di tutto il Vte.

11 e 44  Gabrielli: “Contro di me infamità”
“Più che remare contro, in molti hanno pensato agli affari propri. Altri hanno pensato a coprirsi le spalle rispetto a responsabilità che immaginavano di avere”. E’ questo il commento del numero uno della Protezione civile a margine dell’attracco a Genova Voltri della Costa Concordia. “Con il giusto abbrivio inizio a togliermi i sassolini dalle scarpe” ha aggiunto, riferendosi a “quelli che aspettavano questo giorno per dire ‘io l’avevo detto’. A queste persone va il mio pensiero commosso, nella vita si dicono tante cose, purtroppo questa fatidica frase non potrà essere detta”. Nomi? “Basta guardare le rassegne stampa per trovarne a bizzeffe” ha risposto il prefetto. “La più grande amarezza che ho provato in questi due anni e mezzo, è che qualcuno con compiti di responsabilità, quindi con grande irresponsabilità, abbia potuto soltanto immaginare o adombrare che l’azione mia, si rifacesse a un interesse particolare. Non lo consentirò mai a nessuno, sono infamità” (guarda).

11.40 – La Costa Concordia entrata nel porto di Genova.
I rimorchiatori del porto di Genova stanno trainando il relitto della Concordia, con i cassoni che le hanno permesso di rigalleggiare, verso l’angolo della diga foranea del porto a Prà-Voltri. Lì sarà ormeggiate alle 18 bitte che sono state montate appositamente per mettere in sicurezza lo scafo. La nave, trainata dai rimorchiatori Svezia e Spagna, sta entrando alla velocità di 0.3 nodi nel bacino. Ad attenderli una imbarcazione degli ormeggiatori con il ministro Galletti, il presidente della Regione Claudio Burlando, il presidente dell’Autorità portuale Luigi Merlo.

11.34 – Rallentamenti sull’A10
Pesanti disagi si registrano sull’autostrada A10 nel tratto tra Voltri e Pegli per molti automobilisti e anche conducenti di mezzi pesanti che si stanno fermando o rallentano la velocità per assistere alle manovre del relitto di Costa Concordia.

11.12 – “Messa in sicurezza intorno alle 14”
Franco Gabrielli ha dichiarato che “intorno alle 14 il relitto di Costa Concordia sarà ormeggiato in sicurezza in banchina”. Lo ha detto il responsabile della protezione civile Franco Gabrielli.

11.11 -Costa Concordia davanti a porto
La Costa Concordia è in procinto di entrare nel porto di Genova Voltri. Il rimorchiato oceanico Blizzard si è staccato, ora il relitto è gestito dagli 8 rimorchiatori del porto ligure.

10.49 –  Gabrielli: “Quella notte fu imperizia allo stato puro”
“Costa Crociere ha fatto il suo lavoro e lo ha fatto con grande serietà. Era loro responsabilità fare quello che hanno fatto, la responsabilità del disastro era loro, bisogna riconoscere che lo hanno fatto con responsabilità”, ha dichiarato ai giornalisti il ministro dell’Ambiente Galletti, che, tornando alla notte del naufragio, ha aggiunto: “Di fronte a quello che è capitato al Giglio non c’è risposta. Fu imperizia allo stato puro e la manovra che fu fatta non si poteva fare”.

10.30  Cominciata la manovra di “evoluzione per girare la nave
E’ cominciata la manovra di “evoluzione” del relitto di Costa Concordia, operazione propedeutica per l’ingresso in porto, dove sarà ormeggiata. Il rimorchiatore del porto di Genova, Messico, sta guidando le operazioni.

10.18 – Galletti: “Oggi non è festa, ci sono stati 33 morti”
Il ministro Galletti, ai microfoni di Sky Tg24 ha ricordato che “oggi non è una festa, dietro questa vicenda ci sono 33 morti”. Ha voluto comunque ricordare che le operazioni che hanno permesso di far riemergere il relitto e lo hanno fatto arrivare dall’Isola del Giglio fino a Genova “si sono svolte nel pieno rispetto dell’ambiente”. E sulla battaglia dei porti per aggiudicarsi il relitto ha aggiunto: “Non voglio entrare nelle polemiche. Non ho mai interpretato l’operazione come una guerra tra porti italiani. So che Piombino ha bisogno di un rilancio. Abbiamo stanziato 220 milioni con l’accordo di programma”. Poi il ministro ha lanciato una frecciatina alla Francia, scettica sul successo dell’operazione: “I francesi devono imparare a fidarsi un po’ più di noi italiani, non c’è stato alcun inquinamento” (guarda).

9.33  Ministro dell’Ambiente Galletti a Genova
A Genova è arrivato anche il ministro dell’Ambiente
 Gianluca Galletti che ha raggiunto l’unità di crisi allestita in Capitaneria di porto per partecipare ad un briefing con Gabrielli sullo stato delle operazioni. Gabrielli ha spiegato al ministro i dettagli dell’operazione. “Tutto va come previsto, tra due ore sarà all’imboccatura del porto. Comunque i tempi non sono un problema, Concordia non è un treno che deve arrivare a una certa ora”, ha dichiarato il ministro.