Negli anni peggiori della crisi, quando i mercati finanziari erano più deboli, il loro numero era un po’ calato. Ma ai primi barlumi di ripresa si sono rapidamente rimessi in forze. In Italia nel 2013 i super ricchi – gente che ha in tasca un patrimonio netto da investire di oltre 1 milione di dollari – hanno di nuovo superato quota 200mila persone. Per la precisione sono 203.200, contro i 175.800 del 2012. E nel mondo sfiorano i 14 milioni. A fare i conti sono state, come ogni anno, la società di consulenza Capgemini e Rbc wealth management, che si occupa di gestione dei grandi patrimoni. Secondo il rapporto, il tasso di crescita dei milionari italiani è stato lo scorso anno del 15,6%, superiore a quello della media Ue (+12,5%). Con il risultato che i “paperoni” sono tornati ai livelli del 2007, prima del crac di Lehman Brothers e della recessione. Ma non solo: ad aumentare sono anche gli “ultra ricchi”, con patrimoni superiori ai 30 milioni di dollari (circa 22 milioni di euro). Si tratta di circa 3mila persone, l’1,5% dei milionari italiani. Una percentuale doppia rispetto alla media europea, dove la punta della piramide contiene solo lo 0,7% del totale. A gonfiare i loro portafogli hanno contribuito la performance della Borsa Italiana (+16,9% nell’anno) e lo scudo fiscale che ha favorito il rientro di capitali dall’estero. Notare che il patrimonio considerato è solo quello disponibile per l’investimento: non vi rientrano, quindi, il valore della casa di residenza, i beni durevoli come auto e barche e gli oggetti da collezione. 

L’Italia si conferma al decimo posto nella classifica mondiale, che comprende 14 milioni di individui con patrimoni totali pari a 52.620 miliardi di dollari. La crescita maggiore la registrano, sempre nel 2013, Irlanda (+25%), Emirati Arabi (+24%), Giappone (+22%) e Grecia (+22%), ma è ancora il Nord America l’area con il maggior numero di ricchi, che toccano i 4,33 milioni di persone (+16%), inseguiti dai 4,32 milioni del Far East (+17%). Il cui patrimonio sale a 14,2 trilioni di dollari (+18%) contro i 14,9 trilioni dell’America (+17%). Ma anche in Europa i milionari aumentano a vista d’occhio (+12%) raggiungendo i 3,83 milioni e spartendosi una torta da 12.390 miliardi di dollari (+14%).

Il primato mondiale resta ancora agli Stati Uniti, con 4 milioni di paperoni (+17%), seguiti da Giappone (2,3 milioni), Germania (1,1 milioni) e Cina (758.000). I quattro paesi concentrano il 60% dei milionari del mondo e rappresentano il 70% della crescita della categoria. Dal 2008, ovvero dall’inizio della crisi, gli individui cosiddetti ‘ad alto patrimonio netto’ hanno visto crescere la propria ricchezza del 61%, pari a 20mila miliardi di dollari. Quanto agli ultra paperoni, nel mondo sono 128mila, pari allo 0,9% del totale, ma i loro patrimoni rappresentano quasi il 35% della ricchezza totale.