E alla fine anche una delle ultime proibizioni stabilite dalla legge 40 sulla procreazione assistita è stata nuovamente cancellata dai giudici: la Corte Costituzionale ha infatti stabilito che il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale, dichiarando l’illegittimità della norma (articoli 4, comma 3, 9, commi 1 e 3 e 12, comma 1) che vieta il ricorso a un donatore esterno di ovuli o spermatozoi nei casi di infertilità assoluta. I giudici dovevano valutare la questione su cui tre tribunali – Milano, Catania e Firenze – hanno sollevato dubbio di incostituzionalità. Quella della Consulta è una sentenza fortemente attesa dalle tante coppie che in questi anni si sono viste negare la possibilità di avere un figlio grazie alla provetta, scegliendo in molti casi di rivolgersi a centri esteri, spendendo moltissimi soldi e andando spesso incontro a truffe e problemi di salute.

Dopo aver affrontato la questione della conservazione degli embrioni, della diagnosi preimpianto e del numero di embrioni da impiantare nell’utero materno, per la seconda volta la Corte era stata chiamata a giudicare la legittimità costituzionale di quella che è stata definita dagli avvocati difensori delle coppie la norma ‘simbolo’ della legge 40, cioè il divieto di fecondazione eterologa. Nel maggio 2012 la Corte costituzionale decise di restituire gli atti ai tribunali rimettenti, per valutare la questione alla luce della sopravvenuta sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo sulla stessa tematica. Cade, dunque, l’ultimo ‘paletto’ imposto dalla discussa normativa italiana. La legge 40 era stata già bocciata molte volte dai giudici. Questa potrebbe essere l’ultima. 

Secondo i dati raccolti dalla Società europea di riproduzione assistita (Eshre) nel 2010 le coppie italiane avevano il primato in Europa (sono il 31%) per i viaggi ai centri esteri di procreazione assistita, e sempre secondo un’altra indagine del 2010, condotta in 36 centri stranieri dall’Osservatorio sul turismo procreativo, sono state oltre 2.700 le coppie italiane che si sono recate all’estero per poter ricorrere alla fecondazione eterologa. Considerando che complessivamente le coppie protagoniste del cosiddetto “turismo procreativo” sono 4mila, erano due su tre quelle che per tentare la fecondazione eterologa si rivolgevano a centri di procreazione stranieri. I costi dipendono dalle attrezzature e dall’assistenza offerte dai centri, ma anche dalla speculazione, e variano dai 2.500-3.000 euro dell’Ucraina ai 7-8mila della Spagna, meta principale quest’ultima di chi cerca un donatore e delle coppie italiane.

Come ha ricordato martedì 8 aprile davanti ai giudici della Consulta l’avvocato Maria Paola Costantini, “il 63 per cento delle coppie che in Spagna ricorre all’eterologa è rappresentato da coppie italiane”. Esultano i Radicali e l’Associazione Luca Coscioni, che da sempre hanno strenuamente contestato la legge, promuovendo anche il referendum abrogativo nel 2004, che però non raggiunse il quorum. “La sentenza di oggi della Corte Costituzionale che ha cancellato il divieto di eterologa previsto dalla legge 40 del 2004 ha valore di legge e non è oppugnabile – dichiarano gli avvocati Filomena Gallo e Gianni Baldini, legali del procedimento di Firenze, i primi a sollevare il dubbio di legittimità costituzionale sull’eterologa – Da oggi non potrà mai più essere emanata dal Parlamento una legge che prevede il divieto di fecondazione di tipo eterologa. Tale decisione vale per tutti i cittadini italiani che hanno problemi di sterilità. Nessun vuoto normativo, ma con la legge 40 così modificata, garanzie per i nati e per le coppie“. Ora quindi, rilevano i due legali, “sia i centri pubblici che quelli privati dovranno eseguire tecniche di fecondazione con donazione di ovociti e spermatozoi esterni alla coppia. Come prima del 2004, anno di emanazione della legge 40, sarà lecita l’ovodonazione, mentre qualsiasi uomo fertile potrà donare il proprio seme. E’ bene chiarire che non c’è alcun rischio di commercializzazione di gameti”. A questo punto “si rende necessario un aggiornamento della normativa su questo delicato tema – sottolinea Donata Lenzi, capogruppo Pd in commissione Affari sociali – Della legge 40 ad oggi non rimane quasi più niente, dal momento che i progressivi interventi hanno smontato l’impianto della legge e dichiarato illegittimi i punti più ideologici”.

Ma cosa rimane ora in piedi della norma? Il divieto di accesso alle tecniche di fecondazione assistita per i single e le coppie dello stesso sesso, il divieto di utilizzo degli embrioni per la ricerca scientifica e revoca del consenso, su cui dovrà pronunciarsi sia la Consulta che la Grand Chambre della Corte europea per i diritti dell’uomo il prossimo 18 giugno. Ma proprio oggi, l’avvocato Baldini ha chiesto alla Corte Costituzionale, che ancora non aveva fissato la data dell’udienza su tale questione, di sospendere, in attesa della decisione europea. Sospensione accordata dal giudici costituzionali. Rimane infine ancora da fissare l’udienza, sempre davanti alla Consulta, sul divieto di accesso alle coppie fertili ma portatrici di patologie genetiche, oggetto della questione di costituzionalità sollevata dal Tribunale di Roma e dopo la sentenza di condanna della Corte Europea dei diritti dell’uomo dell’agosto 2012 nei confronti dell’Italia.