Le vendite di marijuana nello stato del Colorado, legalizzate dal primo gennaio, potrebbero portare a entrate fiscali molto più alte delle attese. Lo rivela un report dell’Associated Press, che cita una proposta di budget elaborata dal governatore John Hickenlooper, nella quale sono contenute le prime stime ufficiali sugli introiti derivanti dalla vendita di cannabis. Secondo le previsioni, nel prossimo anno fiscale il valore totale delle vendite di “erba” in Colorado ammonterà a circa 610 milioni di dollari: la marijuana per uso ricreativo sarà tassata al 12,9%, e gli introiti fiscali contribuiranno a coprire uno stanziamento di circa 99 milioni, destinato a sostenere campagne per la prevenzione dell’abuso di droga e dell’utilizzo di droghe leggere tra i giovanissimi. Nel totale rientrano anche gli introiti derivanti dalla vendita di marijuana per uso medico, sottoposta a una tassazione statale del 2,9%.

La cifra di 99 milioni è molto superiore a quella prevista nel 2012, anno in cui un referendum aveva dato il via alla legalizzazione della marijuana: allora le proiezioni parlavano di entrate fiscali totali per 39,5 milioni di dollari nel prossimo anno fiscale, che inizia a luglio. A indurre maggiore ottimismo sono le prime rilevazioni sulle vendite, che finora sono state intense, anche se per i dati ufficiali bisognerà attendere marzo: le stime si basano sul numero dei negozi al dettaglio (163 al 18 febbraio) e sul prezzo medio di vendita. Anche se non c’è un prezzo minimo stabilito, si parla comunque di cifre superiori ai 202 dollari all’oncia stimati inizialmente.

E gli occhi di tutta l’America sono puntati sul Colorado: uno studio del Cato Institute di Washington sostiene che, se la marijuana venisse legalizzata in tutti i cinquanta Stati, il fisco federale potrebbe guadagnare circa 8,7 miliardi di dollari all’anno, e altrettanti ne potrebbe risparmiare dal mancato utilizzo delle forze dell’ordine per controlli, arresti e politiche di repressione. Nel piano del governatore Hickenlooper , secondo quanto riferisce l’AP, vengono individuati diversi obiettivi da finanziare con le tasse sulla marijuana: “La nostra priorità – scrive Hickenlooper in una lettera ai legislatori che dovranno approvare la sua proposta – è evitare che la legalizzazione abbia qualsiasi effetto negativo sui bambini e i ragazzi”.

Di questa strategia fanno parte anche il lancio di una campagna mediatica triennale sui rischi per la salute derivanti dall’uso di marijuana, che nelle stime costerà 5,8 milioni di dollari, e uno stanziamento di 1,9 milioni da destinare al Dipartimento dei trasporti del Colorado, per diffondere informazioni sui limiti stabiliti per chi si mette al volante dopo aver assunto marijuana. “Questo pacchetto rappresenta un primo passo nella regolamentazione delle vendite”, spiega il governatore, che dovrebbe comunque diffondere nuove stime nel corso dell’anno. Il piano non prende in considerazione un dazio aggiuntivo del 15%, dal quale Hickenlooper conta di incassare, a partire dal prossimo anno, 40 milioni di dollari da destinare alla costruzione di scuole. Non mancano, comunque, gli ostacoli sulla strada della liberalizzazione: secondo quanto riferisce il Denver Post, alcune grandi banche come la Wells Fargo Bank e la FirstBank si sono rifiutate di continuare a concedere prestiti ai proprietari degli edifici in cui sono stati aperti i negozi di marijuana, adducendo come pretesto le leggi federali antidroga, che renderebbero questi prestiti a rischio.