Con la conclusione dell’anno 2013, si è svolta a Roma durante il secondo convegno internazionale del Cun (Centro Ufologico Nazionale) una tavola rotonda presieduta dai dirigenti della Ugai-Fnsi (Unione Giornalisti Aerospaziali Italiani), dove si sono avvicendati scienziati, filosofi, militari e politici tra cui l’ex Presidente della Commissione Difesa del Parlamento, On. Falco Accame.  

Fatto storico sottolineato dalla presenza di Rai Scienza che ha documentato l’evento. Fatto sicuramente importante che ha segnato il cambio di paradigma, in ambienti fino a ieri lontani dall’affrontare pubblicamente questioni rilevanti le tematiche sugli oggetti volanti non identificati, o come va adesso di moda sui fenomeni aerospaziali anomali. Ne è seguito un comunicato stampa ufficiale Ugai-Fnsi, che metteva appunto in evidenza questo aspetto. Cioè è possibile trattare in maniera rigorosa argomenti così delicati, ma dall’impatto sociale potenzialmente destabilizzante.

Tale convegno internazionale che ha visto l’avvicendarsi di vari docenti di importanti università europee, ha fatto da apripista per i futuri dibattiti sullo studio delle ondate di avvistamenti di Ufo avvenute nel lontano 1954 e che ha visto anche l’Italia protagonista di importanti d incredibili eventi. Non secondaria la notizia che a dicembre la Camera degli Usa al completo dal giorno 4 dicembre 2013 ha tenuto un’udienza sulla vita extraterrestre come prima sessione del 113esimo Congresso terminata dopo sette giorni.

Sicuramente l’anno 1954 ci porta a ricordare alcuni significativi episodi rimasti senza una spiegazione convenzionale o coerente con i classici dettami scientifici. Non sarà un caso che la nota rivista statunitense Fate, pubblicò un numero speciale sui casi italiani di quell’anno storico per l’ufologia. Fu proprio a causa dei numerosi eventi e segnalazioni di avvistamenti, che nel lontano 1977, l’allora Centro Ufologico Nazionale, produsse il primo report computerizzato, ponendosi all’avanguardia per tali studi di settore.

Tra i casi italiani più  famosi, troviamo i caso di Rosa Danielli Lotti avvenuto il primo novembre, nei pressi della chiesa del Cennina in provincia di Arezzo, dove la signora Rosa sarebbe stata protagonista di un clamoroso incontro ravvicinato con alcune entità extraterrestri. Oppure l’avvistamento di massa nella stessa giornata del 17 settembre, diurno sui cieli di Roma dove comparve un oggetto sigariforme e poi notturno sui cieli di Milano, episodi immortalati sulle tavole di Walter Molino pubblicate sulla Domenica del Corriere.

Come non citare l’episodio della partita amichevole avvenuta allo stadio comunale di Firenze tra la Fiorentina e la Pistoiese, dove la partita fu sospesa in seguito al “sorvolo” di alcuni dischi volanti, e dove sia i calciatori che gli spettatori rimasero fermi a vedere il passaggio di tali oggetti, che produssero la caduta di filamenti che furono analizzati dal Prof. Giovanni Canneri dell’Istituto di Chimica Analitica dell’Università di Firenze.

Molti altri episodi sarebbero da citare, ma crediamo utile sollecitare un dibattito serio fatto di eventi verificabili, comparabili, basati su documentazioni e non atti di fede. In linea con i presupposti che un cambio di paradigma sia davvero in atto.