Un esposto al Consiglio d’Europa per protestare contro la “situazione di profonda illegalità” che si sta verificando a proposito della legge elettorale. “E’ vergognoso che a quattro mesi dalle elezioni ancora i cittadini non sappiano con quale sistema si andrà a votare mentre ci sono forze politiche che brigano per tutelare i propri interessi elettorali a scapito della democrazia”.

Così il Presidente dei Verdi Angelo Bonelli ha spiegate la scelta di ricorrere in Europa: “Abbiamo deciso di inviare – sostiene Bonelli – un esposto al Consiglio d’Europa su quello che sta accadendo in Italia dove siamo ben al di sotto degli standard europei in materia elettorale. Evidentemente le raccomandazioni europee che vengono recepite da governo e parlamento sono solo quelle della in materia economica mentre quelle in materia democratica vengono lasciate cadere nel vuoto. In nessun Paese democratico accade che la legge elettorale viene cambiata a pochissimi mesi dalle elezioni- aggiunge Bonelli – è ormai evidente che nel palazzo si lavora per rubare ai cittadini il diritto di scegliere chi governa e sulla base di quale programma: pur di non far scegliere gli italiani si sfornano esperimenti di ingegneria elettorale che non avrebbero diritto di cittadinanza in nessun altro paese europeo”.