Un malore provocato da problemi respiratori e il trasferimento in elicottero dalla Puglia a Villalba. Sembravano essersi concluse repentinamente le estive di Vasco Rossi. Ma dopo poche ore è subito arrivata la smentita della manager Tania Sachs che ha invitato la stampa a “non diffondere notizie false“, in quanto Vasco aveva già programmato questo rientro a Bologna per le consuete “visite di routine”. 

L’allarme era stato dato dal Resto del Carlino che oggi nell’edizione cartacea raccontava del ricovero avvenuto ieri mattina dopo una corsa nella notte in elicottero dalla località pugliese in cui il cantante soggiornava.

Il Blasco, dopo il matrimonio con la compagna di sempre Laura Schmidt, si era recato a Castellaneta Marina, in provincia di Taranto, per trascorrervi le ferie. Per rilassarsi e anche ricominciare a cantare, come aveva fatto l’8 settembre, dal palco della discoteca Cromie, 45 minuti che avevano annunciato un grande ritorno. Poi però, la scorsa notte il Kom si è sentito male ed è stato portato a Bologna in elicottero, in quella stessa clinica privata dove l’estate scorsa era stato ricoverato per combattere la malattia, un’ostiomelite al torace e una endocardite.

Appena saputa la notizia, il primo a parlare ai cronisti riuniti attorno a Villalba è stato il dottor Guelfi, direttore sanitario della struttura, che in via informale non ha smentito la presenza del rocker emiliano in clinica e ha comunque rilanciato per un possibile punto della situazione verso sera. 

Poi a Villalba è giunto l’amico Antonio O’Brian, che assistette il Blasco anche alla fine di luglio 2011. “Eravamo in vacanza assieme – ha detto – le ferie erano finite e questa è una visita di controllo programmata, di routine. Vasco sta bene”. 

Versione confermata e sottolineata, infine, da una secca smentita della storica manager di Vasco Rossi, Tania Sachs: “Vasco è arrivato in clinica per normali controlli di routine. E’ falsa la notizia che sia giunto in città in elisoccorso da Taranto a Bologna. Il ricovero era già previsto. E’ partito dall’albergo con la sua macchina e l’autista. E come sua abitudine ha viaggiato di notte indisturbato arrivando a Bologna alle 10 del mattino e a Villalba alle 11. I controlli sono quelli di routine a cui si sottopone ogni due tre mesi da un anno a questa parte cioè da quando è stato colpito dal batterio killer. Lo staff invita la stampa a non diffondere notizie false e allarmanti sulle sue condizioni”.

Sulla pagina Facebook del Kom, in attesa anche di un suo intervento/clippino sono già arrivati centinaia di messaggi: “rimettiti”, “tieni duro” e soprattutto “non fare scherzi”. Nelle prime ore del pomeriggio è arrivata a Villalba la moglie di Rossi, Laura Schmidt che senza fermarsi è salita sull’ascensore che porta al piano dov’è ricoverato il cantante: “Non sono preoccupata. Era tutto previsto”, le fugaci parole della signora Rossi.

Il Blasco dovrebbe essere dimesso già domani, dopo aver concluso gli accertamenti medici di “routine”. Anche se tra i molti presenti fuori dalla clinica c’è chi dubita di una permanenza così ridotta del cantante a Villalba: attorno alle 17 alcuni inservienti hanno montato la parabola proprio alla finestra del primo piano, dove Vasco aveva soggiornato nel luglio 2011.