Bilal Erdogan, il figlio del leader turco, è indagato a Bologna per riciclaggio. L’iscrizione nel registro degli indagati, secondo quanto scrive l’agenzia Ansa, in un fascicolo della pm Manuela Cavallo, è avvenuta in conseguenza all’esposto presentato da Murat Hakan Huzan, imprenditore e oppositore politico di Erdogan, rifugiato in Francia.

Nell’esposto si chiedeva di indagare su eventuali somme di denaro portate in Italia da Bilal, in ordine, appunto, a un eventuale reato di riciclaggio. Il figlio di Erdogan, difeso dall’avvocato Giovanni Trombini, si è trasferito in Emilia in autunno per un dottorato alla Johns Hopkins University. A dicembre sul muro dell’università erano apparse scritte come “Erdogan terrorista”, così come su altri palazzi della zona. Secondo quanto si apprende, sulle scritte Erdogan ha presentato una querela.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta in Emilia, i cittadini devono sapere

prev
Articolo Successivo

Aemilia, il primo pentito. Pronto a collaborare Giglio, “la cassaforte di Grande Aracri”

next