Bilal Erdogan, il figlio del leader turco, è indagato a Bologna per riciclaggio. L’iscrizione nel registro degli indagati, secondo quanto scrive l’agenzia Ansa, in un fascicolo della pm Manuela Cavallo, è avvenuta in conseguenza all’esposto presentato da Murat Hakan Huzan, imprenditore e oppositore politico di Erdogan, rifugiato in Francia.

Nell’esposto si chiedeva di indagare su eventuali somme di denaro portate in Italia da Bilal, in ordine, appunto, a un eventuale reato di riciclaggio. Il figlio di Erdogan, difeso dall’avvocato Giovanni Trombini, si è trasferito in Emilia in autunno per un dottorato alla Johns Hopkins University. A dicembre sul muro dell’università erano apparse scritte come “Erdogan terrorista”, così come su altri palazzi della zona. Secondo quanto si apprende, sulle scritte Erdogan ha presentato una querela.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta in Emilia, i cittadini devono sapere

next
Articolo Successivo

Aemilia, il primo pentito. Pronto a collaborare Giglio, “la cassaforte di Grande Aracri”

next