Bilal Erdogan, il figlio del leader turco, è indagato a Bologna per riciclaggio. L’iscrizione nel registro degli indagati, secondo quanto scrive l’agenzia Ansa, in un fascicolo della pm Manuela Cavallo, è avvenuta in conseguenza all’esposto presentato da Murat Hakan Huzan, imprenditore e oppositore politico di Erdogan, rifugiato in Francia.

Nell’esposto si chiedeva di indagare su eventuali somme di denaro portate in Italia da Bilal, in ordine, appunto, a un eventuale reato di riciclaggio. Il figlio di Erdogan, difeso dall’avvocato Giovanni Trombini, si è trasferito in Emilia in autunno per un dottorato alla Johns Hopkins University. A dicembre sul muro dell’università erano apparse scritte come “Erdogan terrorista”, così come su altri palazzi della zona. Secondo quanto si apprende, sulle scritte Erdogan ha presentato una querela.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta in Emilia, i cittadini devono sapere

next
Articolo Successivo

Aemilia, il primo pentito. Pronto a collaborare Giglio, “la cassaforte di Grande Aracri”

next