Lavitola arrestato all'arrivo in Italia

Dieci ordinanze di custodia con accuse che vanno dalla corruzione internazionale alla associazione a delinquere: il rientro in Italia di Valter Lavitola non è passato inosservato. Atterrato all’aeroporto di Fiumicino alle 6.40 con un volo proveniente da Buenos Aires, l’ex direttore dell’Avanti!, già coinvolto nell’inchiesta che riguarda l’imprenditore Gianpaolo Tarantini, è stato arrestato dalla polizia di frontiera, in relazione ai provvedimenti che la Guardia di Finanza di Napoli e la Digos gli avevano notificato. E’ accusato di corruzione internazionale e associazione a delinquere. Dopo le formalità di rito, l’ex direttore è stato portato a Napoli e accompagnato nel carcere di Poggioreale. Richiesta di custodia ai domiciliari anche per il senatore Sergio De Gregorio, anche lui ex direttore de L’Avanti!. Il commercialista del Senatore, sentito come teste dai pm di Napoli, dice che il passaggio al partito di Berlusconi fu opera di Valter Lavitola e aggiunge: “Il suo passaggio al Pdl fu lautamente pagato”. Due i filoni di indagine.

I FONDI PER L’EDITORIA E L’ASSOCIAZIONE A DELINQUERE
Il primo, seguito dalla Guardia di Finanza, riguarda la distrazione di fondi per l’editoria per un ammontare complessivo di circa 23 milioni di euro. Ed è in questo filone che si inserisce anche il nome del senatore Sergio De Gregorio e di altre quattro persone: Vincenzo Ghionni, Roberto Cristiano, Antonio Bifano e Patrizia Gazzulli, oltre allo stesso Lavitola.

Al senatore del Pdl, già direttore dello stesso Avanti!, un passato nell’Italia dei Valori – eletto nel 2006, cambiò schieramento poco dopo avere ottenuto la presidenza della commissione Difesa con i voti dell’allora Casa della Libertà – e a Lavitola, viene contestato di essere promotori di una associazione a delinquere finalizzata, di fatto, a ottenere contributi per l’editoria poi distratti e impiegati in altre attività. Secondo gli inquirenti, De Gregorio sarebbe responsabile – nel periodo tra il 2005 e la metà del 2007 – di episodi di false fatturazioni, occultamento di atti contabili, corruzione, bancarotta fraudolenta, truffa e appropriazione indebita. In questo contesto, sarebbero state costituite amministrate e poi anche “spogliate” alcune società “che fornivano stabilmente i giustificati documentali relativi a prestazioni inesistenti – scrive il gip – sia per ottenere contributi pubblici per l’editoria (dirottati, poi, verso destinazioni allo stato ignote ed in via di accertamento e comunque nella disponibilità individuale degli indagati e di altri soggetti allo stato non identificati), sia per mascherare attività di spoliazione patrimoniale delle società e di riciclaggio e per occultare i proventi di attività corruttive ovvero le provviste per corrompere”. I soldi “distratti” sarebbero poi stati reinvestiti, secondo l’accusa, all’estero. E principalmente a Panama, in Kurdistan, Kazakistan e Emirati Arabi.

“PASSAGGIO AL PDL DI DE GREGORIO LAUTAMENTE REMUNERATO”
Un provvedimento di richiesta di arresti domiciliari è stato trasmesso al Senato per l’autorizzazione all’esecuzione. Interpellato dall’Ansa, il senatore del Pdl ha detto di volersi difendere “con le unghie e coni denti”. “Non essendomi mai sottratto all’autorità giudiziaria non capisco quale necessità ci sia di questa misura cautelare”, ha aggiunto. De Gregorio dovrà rispondere anche delle accuse che ora arrivano dai testimoni dell’inchiesta sul suo passaggio al Pdl: “Fu lautamente retribuito”. Ad affermarlo è stato Andrea Vetromile, commercialista e collaboratore di De Gregorio, interrogato come teste dai pm di Napoli. Il verbale, con diversi omissis, è riportato nell’ordinanza di custodia notificata oggi. Secondo il testimone, fu Valter Lavitola “che accreditò De Gregorio presso Berlusconi. De Gregorio – ha spiegato Vetromile – è un ex socialista come Lavitola. Egli dunque considerava il suo approdo naturale Forza Italia. Si candidò con Di Pietro in quanto questo partito gli aveva garantito una candidatura come capolista al Senato… Una volta eletto passò nelle fila del centrodestra. Ebbene fu proprio Lavitola che, forte dei suoi rapporti personali con Berlusconi, concretizzò questo accordo. Voglio precisare anche che l’accordo del passaggio di De Gregorio al centrodestra venne così lautamente remunerato…(omissis)”.

LE CARCERI A PANAMA E IL RUOLO DI MARTINELLI
Il secondo filone dell’inchiesta, nelle mani della Digos, riguarda invece presunti episodi di corruzione internazionale per la costruzione di strutture carcerarie a Panama. Un affare da 170 milioni di euro, poi tramontato, di cui altro personaggio chiave è Angelo Capriotti, socio del consorzio Svemark – per i cui beni è stato disposto oggi il sequestro – per la produzione di celle modulari. Capriotti è lo stesso che diede lavoro alla moglie di Tarantini, Nicla De Venuto. Anche lui figura tra i destinatari degli ordini di custodia, insieme a Paolo Passalacqua, Claudio Fagiano e Enzo Valori.

Dalle fonti di prove acquisite dai pubblici ministeri di Napoli Henry John Woodcock e Vincenzo Piscitelli riguardo alle attività svolte all’estero da Lavitola, “emerge chiaramente , a livello di gravità indiziaria, il coinvolgimento, oltre del Lavitola nel ruolo di intermediario, del Presidente di Panama Martinelli e di uomini del suo governo nel mercimonio” legato alla realizzazione di carceri modulari nello Stato dell’America centrale. Lo stesso Martinelli avrebbe ricevuto da Lavitola denaro contenuto in una valigetta. Il valore stimato per l’appalto era di 176 milioni di euro per la realizzazione di carceri modulari. Lavitola avrebbe avuto un ruolo di mediatore “accreditato” sia presso il governo di Panama che presso autorità italiane. Il valore dei beni promessi è stimato in circa 28 milioni di euro mentre le somme effettivamente corrisposte sono di 530mila euro e 140mila dollari.

“CINQUE MILIONI DI EURO PER STARE ZITTO”
E secondo i pm, oltre alle attività ester, Valter Lavitola si occupava dei suoi ‘interessi’ in Italia: l’intenzione era di chiedere 5 milioni di euro a Silvio Berlusconi. E se il leader del Pdl non avesse pagato, Lavitola “avrebbe avuto tutte le giustificazioni, anche morali, per dire tutto quello che sapeva su Berlusconi”. A dichiararlo ai pm di Napoli è Maria Lavitola, sorella del direttore dell’Avanti. Maria Lavitola ha prima riferito di una telefonata ricevuta dal fratello in cui questi le chiese di recuperare un contratto di pubblicità da 800mila euro stipulato dall’Avanti con Berlusconi tra il 1998 e il 2002-3. “Mi disse – ha dichiarato – che dovevo prendere questo contratto e portarlo a Berlusconi”. Quando lei domandò il motivo, Valter Lavitola le avrebbe risposto: “Sono cazzi miei”. “Non cercai – ha poi affermato – neanche di trovare questo contratto perché sapevo che mi sarei cacciata in un guaio. A mio fratello dissi una frottola”. La testimone rivela anche di aver incontrato nel novembre scorso una donna, Neire Cassia Pepes Gomez, che a suo dire sarebbe stata inviata in Italia dal fratello. Neire le riferì di avere con sè una lettera di Valter da consegnare ad un avvocato che avrebbe dovuto recarsi da Berlusconi per chiedergli la somma di 5 milioni di euro. Il legale tuttavia le disse che di questa faccenda “non voleva saperne nulla”. “Io chiesi a Neire – ha dichiarato Maria Lavitola – a che titolo Berlusconi dovesse dare questi soldi a mio fratello e lei mi rispose che era una tattica, nel senso che se gli dava questi 5 milioni di euro andava tutto bene, mentre se non li dava Valter, una volta tornato in Italia, avrebbe avuto tutte le giustificazioni anche morali per dire tutto quello che sapeva su Berlusconi. Insomma, a dire di Neire, non bisognava spiegare a Berlusconi il motivo della richiesta”.