Caos alle primarie varesine del Carroccio dove le schede erano quasi cento in più rispetto al numero dei votanti. Al congresso provinciale, convocato domenica per eleggere i delegati all’assise ‘nazionale’ della Lega lombarda, il segretario provinciale avrebbe conteggiato 332 voti, a fronte di un totale effettivo di 229 votanti. Il voto è stato annullato e ora in molti chiedono le dimissioni del segretario, Maurilio Canton, la cui proclamazione per acclamazione il 9 ottobre scorso era già stata contestata da parte della base.

Le primarie varesine rientrano nelle votazioni per l’elezione dei delegati al congresso dal quale, l’1, il 2 e il 3 giugno, uscirà il nome del nuovo segretario della Lega lombarda, carica ricoperta da Giancarlo Giorgetti dal 2002. Proprio Giorgetti oggi avrebbe annullato le ‘primarie’ varesine e indetto una nuova convocazione che, secondo regolamento, dovrebbe avvenire entro 30 giorni. Dopo l’annullamento del voto di Varese, la Lega dovrà fissare un’altra convocazione entro 30 giorni.