chef cristina bowermanConsumo critico, sostenibilità e risparmio sono principi che è possibile tradurre in azioni nel quotidiano. Si tratta, più in generale, della postura esistenziale del consumatore che muove in direzione di un equilibrio con l’ambiente basato sul rispetto e il reciproco scambio. Riutilizzare gli avanzi in cucina, per esempio, è un atteggiamento costruttivo sia in termini di economia domestica che in quelli universali di attenzione agli sprechi.

Ci sono modi anche molto gustosi per utilizzare i resti di una cena e per farci consigliare abbiamo chiesto aiuto a chi di cucina se ne intende: Cristina Bowerman, la Chef “stellata” di Glass Hostaria a Roma, annoverata da critica e appassionati tra i cuochi più originali e innovativi che abbiamo in Italia.

C.B: “A tutti sarà capitato di preparare qualcosa per un party e di avere, dopo, un bel po’ di rimanenze, giusto?  Buttare non si può e non si deve, meglio quindi trovare un modo per riproporre gli avanzi senza che siano percepiti come tali. E’ possibile farlo soprattutto nel periodo di Natale in cui praticamente ogni giorno è caratterizzato da banchetti importanti. Potrà capitare, ad esempio, di ritrovarsi con tutti quei salumi e formaggi e conserve che magari vengono servite all’inizio del pranzo e restano poi nel vassoio con aria sconsolata, triste e anche un pò avvizzita. Allora che fare? Ecco una ricetta  per le feste“.

Tortelli del giorno dopo

Ingredienti per 8 persone: 18 tuorli, 500 gr. di farina per sfoglia fresca, tutti gli insaccati che avete a disposizione (400 gr. circa),150 gr. di pangrattato (pane avanzato seccato in forno, poi fritto e passato al frullatore – pulse – lasciandolo a grana media e non uniforme), 3 cucchiai di formaggio fresco, possibilmente leggermente acidulo, pepe q.b., 1 cucchiaino di timo, 1 spicchio d’aglio prima arrostito e poi ridotto a crema, scorza di limone e di arancia, 150 gr. di pomodori secchi, olio evo q.b.

Preparazione: facciamo la sfoglia con i tuorli dell’uovo e la farina, un pizzico di sale e, se necessario, un goccio d’acqua fredda (evitiamo di sviluppare glutine più del dovuto). Avvolgiamo in un panno e lasciamo riposare in frigo per almeno un’ora. Frulliamo poi gli insaccati fino a creare una crema e, in un recipiente, aggiungiamo a mano: pan grattato, pepe, buccia di agrumi (non la parte bianca), un cucchiaio o due di formaggio fresco per ammorbidire. In un bicchiere prepariamo una crema con i pomodori secchi, olio e aglio con un frullatore a immersione. Stendiamo la pasta quanto più possibile e tagliamo in quadrati, farciamo e chiudiamo a tortello. Cuocere la pasta per pochi minuti, scolarla e condirla con i pomodori secchi. Se non volete usare i tortelli freschi, congelateli subito per uso futuro.

Mandate le vostre segnalazioni