Il mondo si fonda su un ossimoro assurdo e drammatico: la società esclude. Come possiamo, infatti, chiamare società una realtà che si fonda sull’esclusione sistematica degli “altri”? Donne, negri, immigrati di ogni etnia, omosessuali, vecchi, malati, disabili, poveri, ebrei, musulmani, cristiani: ce n’è per tutti. Anzi: non ce n’è per nessuno. Discriminare, fino all’emarginazione, tutte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Flipper mania. È come un rapporto sessuale, disse Verdone: “Tutto bacino e niente polso”

prev
Articolo Successivo

La vena “green” del rock mondiale, da Woodstock a Joni Mitchell a Star Bucks

next