L'intervento

Magistrate in maternità, un parto ancora troppo doloroso (per la giustizia in Italia)

La giudice Barbara Perna è in servizio presso la sezione fallimentare del Tribunale di Roma. La settimana scorsa ha esordito nella narrativa, per Giunti, con “Annabella Abbondante: la verità non è una chimera”. Le abbiamo chiesto di raccontarci la condizione femminile in un mondo, quello della magistratura, che fino a pochi anni fa era assoluto appannaggio maschile. Questa settimana parliamo di gravidanze e figli

Di Barbara Perna*
22 Settembre 2021

Annabella afferrò i codici, la penna e il thermos con il caffè bollente e si diresse all’ascensore, con aria rassegnata. Sostituire la collega Fiacca all’udienza era un autentico supplizio per tutti. Dopo la bellezza di tre gravidanze consecutive, altrettanti congedi per le solite complicanze durante la gestazione, seguiti dai relativi congedi facoltativi per maternità dopo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui