Città deserte, gente che suona la chitarra ai balconi, volti rugosi sorridenti, bandiere tricolori, slogan e hashtag inneggianti alla resistenza del popolo italiano e al futuro che verrà. Il tutto su noti sfondi musicali palpitanti emozioni o con voci narranti di attori di peso. No, non si tratta né di servizi dei tg né di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Nuovi titoli del Tesoro, investitori trattati da scemi e qualche rischio

prev
Articolo Successivo

I videogame arrivano in tv: prossima tappa, volare alle Olimpiadi

next