A quindici giorni dall’inizio dell’isolamento, ho mandato una foto alla mia estetista, che mi ha risposto sarcastica: “Pensavo stessi andando di lametta”. E invece no: in preda al panico da ricrescita selvaggia, mi ero addirittura comprata il rullo, quella sorta di parallelepipedo rettangolo che, una volta caldo, stende la ceretta sulla parte interessata quasi come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Emergenza, la Fase 2 sarà “’a livella” per un’economia ormai globale

prev
Articolo Successivo

Fattorie didattiche, un’alternativa alle scuole chiuse

next