Alla vigilia di ogni anno scolastico, i genitori dei più piccoli sono presi dalla disperazione. Oltre a dover pensare a grembiuli, zaini, astucci, quaderni e libri di testo, dovranno affrontare una prova molto più impegnativa a letto agli orari stabiliti (cioè presto) e bye bye ai cartoni animati visti fino a tarda sera (modello baby […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Teorema, il film teorematico”: e il professore ci mise trenta

prev
Articolo Successivo

Rolling Stones Rock: un ciottolo su Marte per quattro montagne della musica

next