Al Senato è una lunga, crudele esecuzione. Al centro c’è la figura tragica di Danilo Toninelli. Il riccioluto ministro dei Trasporti è oggetto di una doppia mozione di sfiducia: una del Pd e una di Forza Italia. Come previsto sopravvive a entrambe: nel primo caso viene salvato da 159 voti contro 102, nel secondo da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La festa a lutto per il reddito: il risveglio “fracico” dei 5 Stelle

prev
Articolo Successivo

Caro Xi, benvenuto in… Cina. Tanti affari, niente domande

next