Alberi di natale, vetrine agghindate, profumo di caldarroste e ciambelle: le feste di Natale sono il momento giusto per ritrovarsi in famiglia o con gli amici in città, dove le occasioni per vivere esperienze uniche tra arte, fotografia e scienza non mancano. Da nord a sud del Belpaese, porte aperte nei principali musei, sono tante le mostre da scoprire che si aggiungono a quelle appena inaugurate col ponte di Ognissanti.

MILANO – Vacanze di Natale a Milano in compagnia del fumettista italiano più in voga del momento, consacrato anche dal successo dell’omonima serie Tv. La Fabbrica del Vapore ospita la personale “Zerocalcare. Dopo il botto“. A stupire i visitatori sono oltre 500 opere tra tavole, video, bozzetti, illustrazioni. Michele Rech, in arte Zerocalcare, propone col linguaggio immediato e diretto del fumetto di esplorare temi complessi come l’isolamento, la frammentazione sociale, la dignità del lavoro, il ruolo della donna. Gli appassionati di fotografia non possono perdersi al Mudec – museo delle culture – “Robert Capa. Nella storia”. “Se le tue foto non sono abbastanza buone, vuol dire che non eri abbastanza vicino”, così spiegava il fotografo. In occasione dei suoi 110 anni dalla nascita, il Mudec rende omaggio al grande artista ungherese del Novecento con un allestimento di oltre 80 stampe fotografiche, alcune mai esposte in Italia. Una personale per ripercorrere i principali reportage di guerra e di viaggio che l’artista realizzò durante vent’anni di carriera. Dalla Berlino del 1936 alla rivoluzione spagnola, dalla Seconda guerra mondiale alla nascita di Israele, fino alla guerra in Indocina. Chiaramente, nella città meneghina c’è anche tanta pittura. Palazzo Reale ospita “Bosch e un altro Rinascimento”. Una grande rassegna con più di 100 opere tra dipinti, sculture, arazzi, incisioni e volumi rende omaggio al pittore fiammingo degli inizi del 1500 che con le sue visioni fantastiche ha offerto schemi alternativi a quelli rinascimentali.

Da segnalare due importanti eventi gratuiti. A Palazzo Marino, come ormai è consuetudine, milanesi e turisti potranno ammirare con spiegazioni gratuite da parte di ottime guide dei quadri di grande prestigio. Questo 2022 il tema è “La carità e la bellezza” e sono quattro i capolavori firmati Tino Di Camaino, Beato Angelico, Filippo Lippi e Sandro Botticelli, realizzati tra il Tre e il Quattrocento. Il secondo evento a entrata libera è a Palazzo Reale, con una mostra definita “impossibile”. Il titolo, infatti, è “Le Pietà di Michelangelo. Tre calchi storici per la Sala delle Cariatidi”. Si potranno così osservare, l’uno accanto all’altro, i calchi delle tre Pietà di Michelangelo, evento che non potrà mai accadere con gli originali, data la loro impossibilità ad essere spostati. Il percorso multimediale ne racconta le vicende. In realtà, due volte nella storia le Pietà hanno lasciato il luogo in cui sono custodite: successe a Roma per la Pietà Rondanini nel 1911, quando l’opera era ancora di proprietà della famiglia Sanseverino, e per la Pietà Vaticana nel 1964, in una straordinaria occasione quando la scultura volò addirittura a New York per rappresentare il Padiglione della Città del Vaticano per l’Expo del 1964.

Cosa fare durante le Feste in città? Da Milano a Palermo e Firenze, ecco i nostri consigli: tra mostre, eventi gratuiti e la “notte con gli squali”

AVANTI
Articolo Precedente

Selvaggia Lucarelli replica a Guillermo Mariotto: “Quello che dice è falso, basta screditarmi”. E pubblica gli screenshot della conversazione

next
Articolo Successivo

Paolo Calissano, parla il fratello Roberto: “Si è suicidato. Non è morto a causa di stupefacenti ma per un’intossicazione da farmaci antidepressivi”

next