Aggressioni feroci, con colpi di catena e manganelli contro le auto che procedevano in carosello. A Verona alcuni militanti nei gruppi dell’estrema destra cittadina hanno aggredito i tifosi del Marocco che festeggiavano la storica qualificazione ai quarti dei Mondiali, dopo la vittoria ai calci di rigore contro la Spagna. Una donna è rimasta leggermente ferita dalle schegge dei finestrini infranti. Tredici persone sono state fermate da polizia e carabinieri e denunciate a piede libero.

In un video amatoriale, postato sui social, si vede un gruppo di 5-6 persone che dal lato della strada si avvicinano correndo a un’auto dalla quale sventola una bandiera del Marocco. Uno di loro brandisce una catena con quale colpisce un finestrino della vettura, inveendo contro gli occupanti. I fermati sono stati bloccati dalle forze dell’ordine nella centrale Piazza Bra, nelle vicinanze di Corso Porta Nuova. L’intervento è avvenuto subito dopo la segnalazione che una quindicina di individui, vestiti di nero e travisati, stavano cercando di avvicinarsi alla zona dove i tifosi marocchini festeggiavano. I poliziotti hanno riscontrato il danneggiamento di quattro auto.

Gli investigatori, precisa la Questura scaligera, stanno vagliando i filmati per ricostruire l’esatta dinamica della vicenda e attribuire le specifiche responsabilità dei singoli. Il rapporto sarà poi trasmesso alla magistratura. La polizia, che già aveva attivato specifici servizi di controllo e monitoraggio del centro cittadino, assieme ai carabinieri e alla polizia Municipale, ha fornito anche un resoconto di quanto successo. “A partire dalle 20 – spiega la nota – sono giunte diverse chiamate alla centrale operativa della Questura di Verona che indicavano la presenza di circa quindici giovani vestiti di nero e col volto travisato che tentavano di avvicinarsi alla zona in cui i tifosi marocchini stavano festeggiando. Alle successive 20.30 venivano segnalate delle aggressioni con danneggiamenti alle autovetture in transito ad opera del medesimo gruppo”. Poco dopo gli agenti sono riusciti ad intercettarli e ad identificarli: “Si tratta di 13 giovani, tutti riconosciuti da personale della Digos scaligera come militanti in gruppi di estrema destra della città”.

Articolo Precedente

Mondiali, svelato uno dei segreti dietro l’impresa del Marocco: è stata una decisione del ct

next
Articolo Successivo

Brittney Griner è libera: scambio di prigionieri tra Russia e Usa. Washington riconsegna un trafficante di armi

next