Luciana Littizzetto e Fabio Fazio, nella prima puntata della nuova stagione di Che tempo che fa, in onda su Rai 3, si tagliano una ciocca di capelli per esprimere solidarietà nei confronti delle proteste portate avanti dalle donne in Iran. Il gesto-simbolo della battaglia contro la repressione e per ricordare Mahsa Amini, la giovane morta dopo essere stata arrestata dalla polizia perché il velo non le copriva interamente il capo, ha coinvolto anche i principali protagonisti del salotto domenica di Rai 3, giunto alla sua ventesima edizione. A prendere l’iniziativa è la comica torinese che conclude il suo consueto spazio sulla scrivania di Fazio: “Volevo chiudere seriamente con un pensiero a tutte le donne che in questo momento in Iran stanno subendo una repressione violenta e stanno combattendo per vivere una vita più normale possibile come la viviamo noi”.

E poi continua: “Uno si chiede: che cosa possiamo fare noi? Non tantissimo, però possiamo continuare a far circolare la voce, tenere accesi i riflettori su questa vicenda, far sentire la nostra solidarietà anche se siamo da un’altra parte”. Un piccolo gesto, quello del taglio di una ciocca di capelli, che serve a sentirsi vicini con il pensiero a quanto sta accadendo in Iran e a tenere anche alta l’attenzione sulla vicenda. Un gesto che dovrebbe anche coinvolgere gli uomini come afferma la stessa Littizzetto: “Volevo chiedere anche a Fabio di farlo perché il problema non è soltanto femminile, il problema delle donne è anche un problema degli uomini”. Luciana Littizzetto e Fabio Fazio, quindi, con il loro gesto, si aggiungono a Serena Bortone, Belen Rodriguez, Massimiliano Ossini, Claudia Gerini, Margherita Buy e tanti altri ancora che lo hanno compiuto sia in diretta tv che sui canali social.

Articolo Precedente

Ballando con le stelle, Giampiero Mughini furioso contro Guillermo Mariotto: “O lo prendo a calci in cu**…”

next
Articolo Successivo

Gf Vip, Edoardo Donnamaria e Antonella Fiordelisi hanno avuto un rapporto intimo? Lo ‘strano’ movimento di lui, che poi si lecca il dito. “Lo schifo, vomito”: il web reagisce così

next