Dopo mesi di ansia e apprensione, Luciana Littizzetto ha finalmente riabbracciato la figlia “adottiva” Svetlana. La ragazza, 24enne, era rimasta infatti bloccata a Minsk, in Bielorussia, suo Paese natale, prima a causa della pandemia di Covid, poi della guerra in Ucraina, e solo nelle scorse ore è riuscita a rientrare finalmente in Italia. Per la gioia di “Lucianina”, che ha festeggiato la reunion con una foto pubblicata su Instagram: “E alla fine… Svetlana è qui! Ogni tanto in questi mesi pensavo che non ci sarei riuscita a riportarla in Italia. Non capivo se fosse solo difficile o proprio impossibile. Ma non mi sono arresa. Non ci siamo mai arrese. Ed eccoci qua. Felici”, ha scritto.

Ma facciamo un passo indietro, e vediamo come erano andate le cose. Svetlana è entrata nella famiglia di Luciana Littizzetto quando era ancora una bambina, tramite il progetto Chernobyl legato al disastro nucleare: “Tornava ogni estate. Poi ha studiato là e, tra Covid e guerra, non la vedo da un po’. Ma lei e Vanessa berciano al telefonino per ore”, aveva spiegato la comica in un’intervista a Oggi a marzo 2022. La giovane vive infatti a Minsk, dove insegna tedesco e Luciana era molto preoccupata per lei anche “perché i soldi non arrivano più e la situazione a Minsk è in divenire”, come aveva spiegato nei mesi scorsi. Adesso, finalmente, hanno potuto riabbracciarsi.

Articolo Precedente

“Stia calmo, non mi deve insegnare il mio lavoro!”, Arisa sbotta contro il Sindaco di Gravina in Puglia: ecco cos’è accaduto a fine concerto

next
Articolo Successivo

Kanye West nell’occhio del ciclone per la maglietta con la scritta “White lives matter” e gli insulti ad una giornalista di moda

next