“Nè con la destra negazionista nè con l’agenda Draghi. Basta con le false promesse”. Lo dicono le migliaia di studenti e studentesse che questa mattina sono scesi in piazza in occasione dello sciopero globale per il clima organizzato da Fridays For Future. A due giorni dal voto, il movimento ambientalista ha rilanciato l’appello alla politica di occuparsi concretamente della crisi climatica. “Vediamo già i sintomi di questa crisi – spiega una delle portavoce nazionali di FFF Italia Martina Comparelli – dalle Marche alla Marmolada, abbiamo vissuto un’estate da incubo e ancora la politica si rifiuta di svegliarsi”. Un anno fa a Milano il governo Draghi presiedeva la Pre-Cop di Milano. “In quella sede avevano promesso un impegno concreto – commenta Sergio Tonetto attivista milanese di Fridays For Future – ma oggi quelle promesse sono più vuote che mai, sono stati fatti solo passi indietro”. Un esempio? “Basta pensare che si torna a parlare di riaprire le centrali a carbone”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, irruzione dei manifestanti per il clima nel porto azione contro grandi navi. Momenti di tensione con la sicurezza (Video)

next
Articolo Successivo

EcoFuturo Tv 2022, economia circolare e comunità energetiche: tutte le novità nella nuova puntata

next