Ogni anno, a Natale, regala un tartufo bianco al principe – ora re – Carlo. E puntualmente lui gli risponde con una lettera. Ma il punto non è questo. Il punto è che il nuovo sovrano d’Inghilterra ha una vera e propria passione segreta per il tartufo bianco, tanto da mangiarlo addirittura a colazione. Lo ha rivelato al Corriere della Sera lo chef Giorgio Locatelli, raccontando la genesi di questa tradizione e rivelando i gusti culinari del primogenito della defunta regina Elisabetta. “Ho ereditato questa tradizione da Antonio Carluccio, il grande ristoratore italiano a Londra, scomparso 5 anni fa e grande amico della famiglia reale — spiega Locatelli —. Lui aveva questa attenzione per il Principe, e io spesso lo aiutavo a trovare il tartufo giusto da spedire a Palazzo”.

“Una sera vennero a cena nel mio ristorante di Londra Carlo, Camilla, William, Harry e le rispettive fidanzate. Io conosco bene Camilla perché sono amico di suo figlio Tom, ma non sono affatto intimo di Carlo come lo era Antonio Carluccio. Però è un vero privilegio per me e per il mio staff poter spedire il tartufo ogni anno a Buckingham Palace”, racconta ancora lo chef. Quindi ecco che arriva il punto saliente: “Lui (Carlo, ndr) ama mangiare il tartufo bianco a colazione, insieme alle uova — rivela Locatelli —. Poi, nella lettera, scrive della natura e della purezza dell’ambiente che produce il tartufo: per Carlo questi temi sono molto importanti. L’ultima che ci ha mandato, l’inverno scorso, era lunga due pagine. Ma non siamo riusciti a tradurla tutta: Carlo è noto per la sua scrittura indecifrabile, chiamata spider notes perché sembra una ragnatela. Sarà strano, quest’anno a Natale, intestare la busta non a un Principe ma a un Re”.

Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, Ginevra Lamborghini: “Io e mia sorella Elettra non abbiamo più rapporti dal 2019, non mi ha invitato al suo matrimonio”

next