“Il Pd ha abdicato al suo statuto sulle candidature dem?. Se le elezioni fossero state a scadenza normale e avessimo avuto la possibilità di fare le primarie, quella sarebbe stata la nostra prima scelta. Fare le primarie per scegliere i candidati per le politiche come facemmo nel 2013 è una cosa sicuramente positiva. È evidente che aver chiuso anticipatamente l’esperienza Draghi e aver avuto un voto così ravvicinato ci ha colto alla sprovvista e ha obbligato tutti a correre per fare le cose nel migliore dei modi possibile”. Così il segretario del Pd, Enrico Letta risponde alla domanda del Fattoquotidiano.it sulle candidature Pd, durante la conferenza stampa al Nazareno. “Si sarebbe sicuramente potuto fare meglio, per noi e per gli altri, ma con questi tempi e con questa legge elettorale così astrusa, credo fosse molto difficile fare meglio. Sono felice che da oggi in poi si parli di programmi e inizi la campagna elettorale”, continua.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, Noto: Fratelli d’Italia cresce ancora e tocca il 25%. Il M5s risale al 13%: “Intercetta il voto di sinistra che non si riconosce in Draghi”

next
Articolo Successivo

Sono un elettore deluso ma andrò a votare: così non reggo il gioco di chi vuole solo la poltrona

next