Il giorno dopo la presentazione delle liste del Partito Democratico, la senatrice Monica Cirinnà critica le scelte di Enrico Letta, definendo la sua gestione “pessima”, ma accetta di ricandidarsi al collegio uninominale Roma 4. “I territori non sono stati ascoltati – spiega ai microfoni del Fattoquotidiano.it poco dopo una conferenza stampa in Senato – Se fosse stato ascoltato il territorio del Lazio io sarei stata capolista a Roma senza nessun problema”. “Se volevo il paracadute? No, solo tornare nel mio collegio“, spiega, ammettendo in conferenza stampa di aver “ricevuto uno schiaffo”. Dopo una riflessione, dice, “durata tutta la notte”, “penso che combattere come l’ultimo dei gladiatori, è l’unico modo per non sottrarmi a una responsabilità”, però “lo faccio solo per queste persone” fa presente in conferenza stampa riferendosi alle persone Lgbt, ai malati terminali, ai bambini delle famiglie arcobaleno o a chi è detenuto. “I sondaggi danno il collegio al centrodestra, io non so se riuscirò a vincerlo, ma credo che quando una gran comunità di persone ti scrive ‘non ci lasciare’ non puoi sottrarti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parlamentarie M5s, il caso di Riccardo Tucci imputato in Calabria per frode fiscale. Lui: “Io candidato? Le regole lo permettono”

next
Articolo Successivo

Napoli, il consigliere comunale di FdI tira in ballo la Shoah per attaccare il Pd. Il partito lo sospende: “Richiami inammissibili”

next