Doveva essere una vacanza memorabile e invece è diventata indimenticabile ma per tutt’altro motivo. Una turista milanese arrivata a Gallipoli per trascorrere le ferie è tornata ben presto a casa nonostante un acconto di oltre 1000 euro già versato all’agenzia poiché invece della villa prenotata si è ritrovata in una topaia. Una disavventura che ha subito mobilitato Fernando Nazaro, giovane albergatore gallipolino e vicepresidente della sezione Turismo di Confindustria Lecce, il quale ha offerto alla turista una vacanza gratis.

L’agenzia a cui la turista aveva versato in anticipo 1.359 euro le ha negato la residenza prenotata offrendo invece un alloggio sudicio nella stessa zona della Baia Verde. In alternativa la turista avrebbe potuto ripiegare su un altro appartamento il quale però era ben al di sotto dei comfort dell’alloggio prenotato. La donna ha preferito quindi tornare a Milano, ma l’episodio ha attirato l’attenzione di Fernando Nazaro che le ha subito scritto: “Per il forte amore che nutro per la mia terra, la prego di contattarmi per concordare la sua prossima vacanza a Gallipoli […] quando lei vorrà perché la Puglia, il Salento e i suoi abitanti sono noti per la loro accoglienza, cordialità e buon cuore e quello che le è capitato non riflette la nostra realtà. Aspetto la signora Scrimieri e la sua famiglia per dimostrarle, come lei stessa mi ha scritto in un messaggio, che Gallipoli e il Salento sono luoghi ospitali e per cancellare l’amarezza che ha dovuto subire dovendo rinunciare ad una vacanza tanto attesa”. La protagonista di questa vicenda ha ringraziato l’imprenditore spiegando che al momento le è impossibile allontanarsi da Milano per ragioni di lavoro. Nel frattempo la turista attende il rimborso dell’agenzia, un gesto che potrebbe almeno alleviare la sua delusione per una vacanza che non c’è mai stata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Faida tra rapper, il giudice nega i domiciliari a Simba La Rue: “Nessuna volontà di cambiare stile di vita, è inaffidabile e incapace di controllarsi”

next
Articolo Successivo

Armie Hammer: “Sono cannibale al 100%”. Arriva il documentario sulle perversioni sessuali dell’attore: il trailer di House of Hammer fa già discutere

next