Se il matrimonio di Jennifer Lopez e Ben Affleck ha reso felici molti fan nel mondo, c’è qualcuno che, pur dicendosi contento per la coppia, ha il sentore che non durerà. A parlare è qualcuno che in fondo può permetterselo, essendo stato il primo marito della popstar. Lui si chiama Ojani Noa, e nel 1997 sposò l’artista. Si erano conosciuti in un ristorante: lei era già nota come attrice, lui, cameriere cubano, non sapeva chi fosse. D’altronde la stella di J.Lo doveva ancora iniziare a brillare per davvero. Anche a lui Jennifer aveva detto che era l’uomo con cui voleva stare per sempre, ma “era tre mariti e cinque fidanzamenti” fa. Come riporta DailyMail, Ojani Noa ha spiegato: “Auguro a lei e a Ben il meglio, ma non sono convinto che durerà. Jen ama essere innamorata ma è stata fidanzata sei volte. Ben è il marito numero quattro. Ero il marito numero uno e mi disse che ero l’amore della sua vita. Quando ci siamo sdraiati a letto la prima notte di nozze, ha detto che saremmo stati insieme per sempre”.

Il matrimonio tra Jennifer e Ojani è durato un solo anno. Il divorziò infatti è arrivato nel 1998, ma per molto tempo sono rimasti amici. “Ci siamo innamorati quando era già famosa. Ma durante il nostro matrimonio è diventata una megastar. Per anni è stato troppo doloroso parlarne. Volevo sdraiarmi e vivere la mia vita. Ma quando ho visto che si è sposata con Ben, che è un bravo ragazzo, i sentimenti sono tornati a galla”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Red Ronnie e il complotto dei distributori di benzina: “Faccio Diesel o benzina? Che ca**o te ne frega?”

next
Articolo Successivo

Acqua minerale Guizza contaminata con lo stafilococco aureo, scatta l’allarme: il Ministero della Salute richiama alcuni lotti. Ecco quali

next