In Islanda, vicino alla capitale Reykjavik, mercoledì 3 agosto è iniziata un’eruzione, che ha “vomitato” e “sputato” lava rovente e pennacchi di fumo da una fessura vulcanica a Meradalir, una valle disabitata vicino al monte Fagradalsfjall, dove l’anno scorso un’eruzione è durata ben sei mesi, dopo diversi giorni di intensa attività sismica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Una mosca morta nell’hamburger, lenzuola sporche, buchi nelle pareti”: i racconti horror dal resort a 4 stelle in Tunisia

next
Articolo Successivo

Jaguar elettrica prende fuoco durante la ricarica. Il proprietario: “Ci sono stati degli scoppi e poi è stata avvolta dalle fiamme”

next